CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La nuova stagione del Sociale parte da Verdi

Più informazioni su

altIeri sera la presentazione della programmazione 2013-2014 della sala cittadina: si ricomincia il 26 settembre con l'”Otello”. E poi, tra gli altri, calcheranno le scene cittadine anche Stefano Accorsi e Filippo Timi. LEGGI TUTTO IL DETTAGLIO.

 

 

 

 

La prossima Stagione Notte del Teatro Sociale, presentata ieri sera dalla presidente del teatro Barbara Minghetti e dal presidente della Società dei Palchettisti, il Notaio Peronese, si annuncia all’insegna degli anniversari, a partire dal titolo “Ricorrenze”. Come sottolinea il Prefetto Michele Tortora, infatti” sono  duecento gli anni nel 2013 per il teatro cittadino, ma anche duecento gli anni dalla nascita di Wagner e di Verdi”. E sarà appunto l'”Otello” di Verdi ad aprire la stagione il 26 settembre. “E’  una delle opere più complesse del compositore” dice il Maestro Gianpaolo Bisanti” ma a noi piacciono le sfide”. La stagione lirica proseguirà con “L’Olandese Volante” di Wagner, “Tancredi” di Rossini e molto altro. Per quanto riguarda la prosa grandi interpreti italiani arriveranno a Como: innanzitutto l’apertura, il 16 novembre, è affidata allo spettacolo “La grande magia” di Eduardo de Filippo con il figlio dell’autore, Luca; seguiranno poi due importanti nomi dello spettacolo, Stefano Accorsi in “Giocando con Orlando”, l’11 dicembre, e Filippo Timi, il 28 gennaio, con il suo stravagante “Don Giovanni”  acclamatissimo nei teatri di tutta Italia la scorsa stagione. La concertistica partirà il 14 novembre con l’Orchestra 1813, mentre la stagione danza con “Tradizione e modernità” il 26 ottobre. Questo e molto altro animerà la prossima stagione notte del Teatro Sociale che sta sempre più entrando nel cuore della città adeguandosi e andando incontro ai gusti di tutti e che riesce a mantenere, nonostante la crisi, la testa alta perchè, come dice la frase che ha aperto la conferenza tratta dalle”Rane” di Aristofane, “la città possa salvarsi e mantenere il suo teatro”.

 

Più informazioni su