CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La separazione è ufficiale: Trinchieri via da Cantù

Più informazioni su

“Abbiamo convenuto che i nostri cammini si devono separare – spiega la presidente Cremascoli dopo l’incontro  – anche se prima o poi i cammini riprenderanno assieme”. E lui rilancia:”Un arrivederci dopo quattro anni indimenticabili”. VIDEO: IL COACH DURANTE UN TIME-OUT.

 

 

 

Le indiscrezioni trovano piena conferma. Andrea Trinchieri non è più l’allenatore della Lenovo Cantù. La decisione dopo l’incontro di ieri. “Sinceramente penso che non ci sia nessuna parola che possa rappresentare degnamente quello che Andrea è stato per noi in questi 4 anni  – commenta il Presidente Anna Cremascoli –. Quanto è riuscito a realizzare con Cantù ne sia la più degna manifestazione. Quando arrivò da noi era per lui l’esordio in Lega A e… con lui come allenatore Cantù è tornata dopo 30 anni in finale scudetto, ha disputato per due stagioni l’Eurolega, a distanza di 20 anni dall’ultima apparizione, ha vinto una Supercoppa e si è confermato continuativamente ai massimi livelli in Italia e in Europa. Andrea ha avuto un ruolo fondamentale nella crescita della nostra società anche fuori dal campo e per tutto questo gli siamo profondamente grati: abbiamo affrontato insieme un pezzo di vita che ha accresciuto noi come club e lui come allenatore e uomo. Incontrandoci in questi giorni – aggiunge l’ingegner Cremascoli – abbiamo però convenuto che ora è giunto il momento in cui i nostri cammini si debbano separare per poter intraprendere percorsi differenti che sono certa saranno per entrambi colmi di soddisfazioni. Andrea sa che sarò orgogliosa per ogni suo singolo successo e che prima o poi i nostri cammini riprenderanno insieme”.

“Per me oggi – commenta Andrea Trinchieri – non si tratta di un addio, ma di un arrivederci. Questi 4 anni hanno avuto il valore e l’intensità di un intera vita sportiva, per quello che abbiamo fatto, per come l’abbiamo fatto e per i compagni di questo bellissimo viaggio. Sono stati 4 anni indimenticabili, vissuti a tavoletta, anni di crescita inarrestabile, per la Pallacanestro Cantù, che è tornata ai livelli che per blasone e storia le competevano, e per me che, grazie a questo club e alle persone che compongono questa società, ho avuto la possibilità di esordire in Serie A, in Eurolega e di avere la chance di sedere su una panchina prestigiosa come quella della nazionale greca”.

Video: il coach in uno dei suoi intensi time-out durante i recenti play-off.

 

{youtube}JnlQwvyNvX8{/youtube}

 

 

Più informazioni su