CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como, Ztl allargata:”Respinta la nostra offerta”

Più informazioni su

La rabbia del gruppo capeggiato da Mario Molteni per non aver potuto fare nulla contro la decisione di sindaco e maggioranza su un tema così delicato per la città. “Noi abbiamo invitato Lucini ad alcune valutazioni: tutto respinto”. LEGGI LA NOTA.

 

 

 

La rabbia dopo il no della maggioranza. Rabbia e impotenza anche se la mano tesa c’è stata. Mario Molteni e il suo gruppo Per Como escono con tanta amarezza dalla battaglia per il no all’ampliamento – deciso da sindaco e giunta, il via già da luglio – della Zona a traffico limitato. “Noi, come dichiarato e da nostro programma elettorale, siamo a favore di un ampliamento della ZTL ma  riteniamo  – si legge nella nota del gruppo – che la contrapposizione tra cittadini non sia buona cosa. Per arrivare alla realizzazione dell’ampliamento crediamo sia doveroso procedere con un progetto il più completo possibile (ricordiamo che il piano del traffico sulla base del quale si è proceduto alla redazione dell’attuale ampliamento della ztl risale al 2001) e non semplicemente ritinteggiare strisce blu in gialle e bianche in blu.

Anche nell’ultima seduta – prosegue Molteni – abbiamo cercato con un emendamento al testo, sottoscritto anche dai consiglieri Mascetti e Peverelli e successivamente votato a favore dai gruppi di minoranza, di tendere una mano a Sindaco e maggioranza. Ecco allora la nostra proposta: eliminare dal testo della mozione il dispositivo  che indicava:

Il Consiglio Comunale esprime momentaneamente parere negativo in attesa che il Sindaco mantenga fede alle dichiarazioni rilanciate in campagna elettorale” 

sostituendolo con un molto più soft…….. “Invito a

1)      valutare l’ipotesi di rimandare l’ampliamento della ztl alla riapertura del parcheggio nell’area ex Ticosa;

2)      valutare con ASF la realizzazione di un bus navetta tra Ticosa e centro città;

3)      concedere 30 minuti di sosta gratuita in viale Lecco/zona Valduce.

Come potete notare i toni erano molto concilianti e per nulla perentori.

Non si impegnava (termine spesso utilizzato nelle mozioni) il Sindaco ma semplicemente si INVITAVA, a fare cosa? Non a realizzare ma a, anche in questo caso semplicemente, VALUTARE L’IPOTESI DI….

Una navetta dal parcheggio ex Ticosa (quando sarà di nuovo disponibile) al centro città (magari modificando il tragitto di alcune linee attuali con conseguente risparmio di km e minore inquinamento) non sarebbe  qualcosa da valutare?

Concedere una sosta gratuita di 30 min. nella zona del Valduce non sarebbe qualcosa di positivo? Pensate che oggi ci si lamenta, giustamente, del costo del parcheggio al nuovo ospedale S. Anna (4 euro al giorno ca.) ma non si pensa a quanto un cittadino pagherebbe posteggiando l’auto nei posti blu per recarsi a fare esami o far visita a degenti presso il Valduce .Ricordiamoci che andare all’ospedale non è certo un divertimento. Ci sono persone, spesso pensionati e disoccupati, che sono costretti a recarsi all’ospedale cittadino per fare esami o assistere propri cari ammalati, magari persone che hanno pensioni da 500 euro al mese o peggio sono disoccupate e sono costrette a pagare fior di tariffe per la sosta.

Si chiedeva solo di valutare. La maggioranza ha detto un no assoluto e totale…”.

Più informazioni su