CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Anche in appello la condanna per don Marco

Più informazioni su

Tutto come in primo grado a Como: tre anni e mezzo per il religioso comasco accusato di episodi di violenza sessuale su alcune ragazze minorenni della parrocchia di San Giuliano. Lui non era in aula: è tuttora ai domiciliari in un convento in Piemonte. LA NOTA DELLA CURIA: LEGGI.

 

 

 

Non cambia nulla. Tutto confermato anche nel processo-bis. La Corte di appello di Milano oggi ha confermato la condanna di primo grado per don Marco Mangiacasale: tre anni e mezzo per l’ex parroco di San Giuliano, centro a Como, finito in carcere prima ed ora agli arresti domiciliari – in un con vento in Piemonte – per episodi di violenza sessuale su alcune ragazze minorenni che frequentavano la parrocchia da lui diretta negli anni scorsi. Don Marco non era in aula a sentire la sentenza. C’erano i suoi legali che poi hanno comunicato la notizia al religioso.

E IN SERATA LA DIOCESI DI COMO HA DIFFUSO ANCHE UNA NOTA UFFICIALE. ECCOLA RIPORTATA DI SEGUITO INTEGRALMENTE

 

In merito alla notizia diffusa nelle ultime ore e relativa alla conferma, in secondo grado, della condanna nei confronti di don Marco Mangiacasale, il vescovo monsignor Diego Coletti desidera innanzitutto esprimere paterna vicinanza a tutte le persone coinvolte in questa dolorosa vicenda. Sollecitata circa il procedimento canonico, la Diocesi ricorda che, come da prassi, tale procedimento – per il quale sono normativamente previste particolari indicazioni di riservatezza e sensibilità circa il suo svolgimento – è già stato avviato nei modi, nei tempi e nei termini previsti. Si ricorda altresì che per la sua prosecuzione è comunque necessario attendere che il procedimento penale in atto esaurisca tutti i gradi di giudizio.

Più informazioni su