CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Non sparate sui Daft Punk!

Più informazioni su

altLo sport più seguito e condiviso delle ultime settimane. La vera Champions League senza finale dei critici musicali o presunti tali, dei fan di lunga data o presunti tali: aprire il fuoco sul duo francese reo di aver tradito le aspettative. 

 

alt

“Deludente il nuovo dei Daft Punk!” “Mi aspettavo qualcosa di più”

Un mantra condiviso in mille e ben poco rinnovate salse sui social network. Là dove un pugno paga molto più di una carezza. Almeno in termini di like e retweet.  E già sappiamo delle derive fallimentari nel mondo reale delle formule di maggior successo nel mondo virtuale, i trend topic  di questo tenore: maiuscoli VAFFA#**#@! A tutti! Siete tutti circondati!  ANDATE A CASA! Fatta eccezione per i gattini…che teneri i gattini. 

Tornando ai due caschi. Il commento che non si riesce davvero a digerire è quello sul loro fantomatico passaggio al mainstream. 

“I Daft Punk sono passati dall’innovazione, a Pharrell. Si sono seduti sul pop. Venduti!”

Ecco in esclusiva per i detrattori due notizie:

1. I Daft Punk sono pop. Se non da quando esistono, perlomeno dal 1997…Ricordate? Quando anche il panettiere della vostra via canticchiava araneuorr aranauooorl!

2. Giorgio Moroder non è un parto della vostra mente. Accettate che abbia una vita distinta dalla vostra e ora possa essere conosciuto persino da mia zia Mariuccia, che vive a Cermenate. Anche se per lei è ancora Giorgio Maronno.

{youtube}gmpsBeaVrkE|400-altezza|225-lunghezza{/youtube}

 

 

 

 

 

 

 

Più informazioni su