CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Happy Lake Time con CFP Como

Più informazioni su

 

altPubbliredazionale:

Gli studenti del Centro Formazione Professione di Como, con sede a Monte Olimpino, hanno creato l’aperitivo del Lago. Il Lario in sette ricette, per una proposta che vuole coniugare tradizione con i nuovi modelli della ristorazione. Per guardare al futuro in modo sostenibile, per valorizzare i territori e la tipicità dei prodotti locali. GUARDA IL VIDEO DI PRESENTAZIONE.

{youtube}1VXYqK01XHU{/youtube}

Ecco il comunicato di presentazione:

alt

 
 
HAPPY LAKE TIME. Aperitivo del Lago by CFP Como
 
Il pensiero dell’aperitivo
È il valore del nostro territorio 
è potersi fermare
 è non volersi accontentare
è come leggere un romanzo e scoprirne lentamente la trama
è un viaggio da vivere momento per momento
è poterne parlare perché ricco di storia e di storie
è l’aperitivo del lago che si offre al lago…
 
 
Questo nuovo aperitivo, sviluppato nell’ambito del Programma INTERREG Italia/Svizzera, Progetto P.I.T SAPALP – P.O. Formazione Partecipata: “Saper imparare a vivere sostenibile”,  intende valorizzare e avvicinare le nuove generazioni a quei prodotti presenti sui monti e le rive dei laghi transfrontalieri.
 
I nostri studenti come in un gioco, che più avanzava e più assomigliava a una vera e propria sperimentazione scientifica, hanno preparato, assaggiato, cotto, smontato, montato e riprovato tutti i prodotti, fino ad arrivare al risultato sperato: offrire sette piccole proposte Utilizzando prodotti naturali, a basso impatto ambientale ma che al contempo fossero buoni e facilmente reperibili. 
Al CFP i nostri colleghi spesso si sono prestati a degustazioni alla cieca, hanno compilato schede di gradimento, ci hanno dato consigli e indicato la direzione che ritenevamo la nostra… 
Sono stati individuati e selezionati i prodotti tipici del territorio e in collaborazione con il Consorzio “Sapori di Terra Sapori di Lago”, i partner svizzeri di Progetto e le aziende produttrici, abbiamo creato gustose e innovative ricette.
 
 
Il risultato… un aperitivo tutto locale e naturale dove i vini del territorio sono accompagnati ed esaltati da sette piccole proposte gastronomiche!
 
 
 
Il “grissino all’olio del lago” … ci è piaciuto subito, e forse già ci piaceva, il nostro olio. 
Abbiamo voluto creare una ricetta croccante e soffice contemporaneamente … L’impasto viene quasi montato come una maionese, un grissino da accompagnare con la pancetta, magari quella al pepe, prodotta proprio sul lago. 
 
“Polenta e missoltino”, il tema della rivisitazione, ma prima di tutto la ricerca del miglior prodotto, perché non tutti i missoltini sono buoni. La materia prima qua fa da padrona. L’immancabile semplice, buona, polenta.  Un ragù con molte verdure. Il nobile agone, essiccato, e cotto come ci hanno insegnato a Vicenza con il baccalà, per rendere più delicato il sapore pungente del pesce. 
 
Le “perle di caprino” … la tradizione in evoluzione ha unito miele o marmellate con il formaggio: niente di più sono le perle ! La forte sapidità del caprino, la dolcezza dei frutti rossi e la mela, rotonda in tutti i sensi, per un’ acidità perfetta a contrastare il grasso del formaggio e il dolce della confettura.
 
I “frollini di formaggio di capra stagionato”, al timo e  alla salvia, ispirati ai “profumi” che crescono in modo quasi invadente negli orti del lago; al pepe, che sempre accompagna un buon formaggio fresco di capra. l’idea dei frollini? Perché salati nessuno se li aspetta e perché la fragranza del forno è uno dei profumi che “colora” le vie dei paesi più belli del lago.
 
Il “paté di pesce di lago” …  da gustare su un crostino  “bruscato” alla maniera toscana, morbido, cremoso e delicato come la Breva in una giornata di primavera.  
 
I “Samosa”, l’altro modo di mangiare la mortadella di fegato … Sempre un po’ troppo ferrosa e sanguigna per i giovani. L’abbiamo usata come elemento aromatico per tante verdure fresche e profumate e poi inserita in quella deliziosa soluzione Indiana somigliante a ravioli perfettamente triangolari, cotti al forno per essere realmente croccanti e leggeri.
… insomma la sapienza indiana con il gusto deciso e unico della splendida mortadella di fegato: un viaggio in un unico piatto! 
 
Lo “zincarlin” fresco di latte di capra, condito, nella tradizione, con aglio e pepe in quantità, nella nostra versione alleggerito… meno pepe e niente aglio.
 
Ecco il lago in sette ricette, per una proposta che vuole coniugare le tradizioni con i nuovi modelli della ristorazione, per guardare al futuro in modo sostenibile, per valorizzare i territori e la tipicità dei prodotti locali. 
Buon Happy Lake Time!
Pietro Magenta, cuoco
con il gli allievi del
Quarto anno Alimentazione
a.f. 2012/2013 

Più informazioni su