CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Va in frontiera all’alba, ma trova i cani antidroga

Più informazioni su

Lo hanno scoperto loro il notevole quantitativo di droga che trasportata nel doppiofondo del baule dell’auto: 90 chili di hashish ben divisi in panetti da 250 grammi l’uno. Arrestato e portato al Bassone il conducente: è un 40ennne dell’Uruguay. Viaggiava senza bagaglio.

 

 

A nulla è servito l’espediente di presentarsi al  valico autostradale di Como-Brogeda all’alba. Le unità cinofile  antidroga e antivaluta della Guardia di Finanza erano già lì, per i quotidiani controlli in frontiera. E’ così andata male ad un 40enne uruguaiano residente in Spagna che con la  propria autovettura stava tentando di importare in Italia ben 90 chili di hashish  suddivisi in centinaia e centinaia di piccoli panetti dal peso variabile tra i 100 e i 250 grammi. Non è sfuggita ai finanzieri, che hanno operato in collaborazione con i  funzionari doganali
della S.O.T. di Ponte Chiasso, la circostanza che l’uomo, residente in Spagna e proveniente dalla Francia, non avesse con sé alcun bagaglio: neppure il necessario per la pulizia personale. Fatto accostare per un controllo più approfondito, al resto hanno pensato “DANA” e
“NAPOLEON”, due splendidi cani antidroga razza in forza al Gruppo della Guardia di Finanza di Ponte Chiasso, i quali hanno immediatamente “puntato” l’interno del bagagliaio e nonostante fosse completamente vuoto hanno cominciato a  “raspare”  con le loro zampe sulla moquette che lo rivestiva.

Secondo un ormai collaudato dispositivo, sono quindi entrati in gioco i “cacciavitisti”:  le fiamme gialle  specializzate nello smontaggio (e nel rimontaggio) dei veicoli. Non c’è voluto molto a quel punto  per  trovare  l’ingegnoso doppiofondo realizzato  proprio  nella parte sottostante il baule e l’alloggiamento della ruota di scorta, per tutta la larghezza della vettura. Un capiente anfratto, realizzato da veri professionisti, dove erano collocati centinaia di panetti di hashish sapientemente stipati l’uno incastrato con l’altro.

 

(Nelle foto uno dei cani antidroga della Finanza usato per scoprire lo stupefacente e nell’altra il dettaglio del doppiofondo ricavato nel baule della vettura dello straniero)

Più informazioni su