CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Forum comasco, centinaia di famiglie alla festa

Più informazioni su

Organizzatori soddisfatti: la bella giornata di sole ha richiamato tante persone al parco pineta di Olgiate. I VIDEO DEI PRINCIPALI INTERVENTI. Al termine anche i premi riservati agli studenti che hanno preso parte al progetto: IL DETTAGLIO DI LORO.

 

 

 

Grande partecipazione alla Festa Provinciale della Famiglia, iniziativa promossa dal forum comasco delle associazioni famigliari, organizzata in collaborazione con il Consorzio Servizi Sociali dell’Olgiatese, il Comune di Olgiate Comasco e il sostegno dei Sindaci di tutti i 23 Comuni dell’olgiatese. Al Parco Pineta di Olgiate Comasco si sono viste molte famiglie, più di 600, aggirarsi tra gli stand ed informarsi sulle attività delle 26 associazioni presenti. I bimbi si sono divertiti grazie all’animazione dellA COOP LA FUCINA, con work shop cre-attivi, baby dance, giochi di squadra e immancabili quattro salti sulle strutture gonfiabili.

La bella giornata ha fatto il resto. La festa si è aperta con i saluti dell’Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Olgiate Comasco, Ivano Gabaglio e del Presidente del Consorzio Sevizi Sociali dell’Olgiatese, Agostino Grisoni che hanno ricordato il senso dell’iniziativa, dedicata alle famiglie e alle associazioni del territorio, al fine di vivere un momento di cooperazione e comunità.

Video, le parole di Grisoni agli intervenuti

{youtube}ltwP_roGxKs{/youtube}

Subito, a seguire, Giovanni Giambattista, Presidente del Forum Comasco delle Associazioni Famigliari, in qualità di moderatore, ha dato il via alla tavola rotonda per i referenti delle associazioni sul tema della cooperazione e della solidarietà civile.

Sono intervenuti: Sonia Manighetti (famiglie in cammino, progetto Burt) che ha sottolineato l’importanza dei Gruppi di Acquisto Solidale, in un ottica non solo di risparmio, ma anche di socialità; Francesca Borsani (Le Vigne), che ha descritto cosa vuol dire scegliere di vivere in un “condomino solidale” non solo per le famiglie che lo costituiscono, ma anche per gli ospiti in difficoltà che ne vengono accolti;Giuliano Cappelletti, (non pioverà per sempre) ha descritto la forza che la rete può mettere in campo, al dil à delle apparenze; Cristina Bianchi (Associazione Dono),  ha descritto come, partendo dall’aiuto ricevuto in prima persona quale genitore di un bimbo disabile, possa nascere un’associazione forte  in grado di donare aiuto agli altri;   Sabrina Rainini (Associazione il nostro bambino) , ha descritto i primi piccoli passi nel sociale.

Terminata la tavola rotonda, è stato il momento della premiazione del  Concorso di Disegno promosso dall’Associazione DONO, recentemente nata proprio dall’esperienze del Consorzio dell’Olgiatese, che ha visto la partecipazione degli alunni delle  scuole medie del territorio che hanno inviato più di 500 disegni, anche con l’obiettivo di scegliere il logo che meglio rappresentasse l’associazione.

Liana Paleari , responsabile area minori e famiglie del Consorzio, ha introdotto l’assegnazione dei premi, sottolineando lo spirito della manifestazione ed  il valore ‘’formativo’’ della testimonianza, questa volta data dai ragazzi che con i loro numerosi disegni, hanno donato il proprio contributo alla comunità. Sottolineato anche il grande impegno e supporto nell’iniziativa da parte di insegnanti e Dirigenti scolastici di tutto il l’ olgiatese, a confermare l’esistenza di efficaci connessioni di rete fra scuola e territorio.

Il video del suo intervento.

{youtube}KOM8kF_dmwU{/youtube}

Il presidente del Consorzio ha premiato i primi tre classificati

1 Olga Magitteri  2d Valmorea

2 Alessia Marinoni 3D Valmorea

3 Davide Monti 2D Appiano Gentile.

LA festa è continuata allegramente anche grazie alla musica dal vivo suonata dal gruppo Agorà. L’occasione ha mostrato ancora una volta che esiste un mondo di volontariato che gira attorno a noi e che la sua scoperta può essere contagiosa. Sicuramente è importante che tanta energia e tanta voglia di fare possa essere potenziata in una collaborazione più attiva anche tra le stesse associazioni e gli enti locali 

 

Più informazioni su