CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Ad Albese la reliquia di Papa Giovanni Paolo II

Più informazioni su

Lo scorso 20 febbraio Villa San Benedetto Menni, in occasione del passaggio nella nostra provincia della reliquia, ha accolto presso la propria cappella questo regalo, ricevuto con grande emozione e sorpresa.

 

Nel giorno dell’ultima udienza di Papa Benedetto XVI, salutato con un caloroso appluaso dai fedeli, ecco che da Albese con Cassano arriva la notizia dell’arrivo della reliquia di Papa Giovanni Paolo II. Un dono inatteso a Villa San Benedetto Menni di Albese Con Cassano. Lo scorso 20 febbraio la reliquia di Papa Giovanni Paolo II è entrata nella cappella alle ore 18, coinvolgendo l’intera casa di cura in un momento di preghiera.

 

 

"L’evento è stato letteralmente improvvisato: la mattina dello stesso giorno le nostre Suore hanno provato a chiedere, pur con scarse speranze, il passaggio della reliquia, in viaggio nelle nostre zone secondo un itinerario programmato da molto tempo, anche nella nostra Casa – racconta il dottor Michele Venanzi, Promotore del Servizio di Pastorale della Salute - Con incredulità e col cuore pieno di gioia e stupore si sono sentite rispondere in modo affermativo, e da quel momento Villa San Benedetto si è ingegnata per accogliere degnamente questo bellissimo regalo". 
 
In poco tempo gli operatori dei singoli reparti si sono attivati per organizzare il proprio lavoro e consentire agli ospiti di essere presenti in cappella al momento dell’arrivo della reliquia. "La collaborazione di tutti, sostenuta dall’entusiasmo per la notizia sorprendente, ha permesso che l’evento riuscisse perfettamente. Per tutta l’ora prevista ospiti, familiari, operatori, rappresentanti delle istituzioni locali e cittadini si sono alternati, ciascuno secondo le proprie possibilità, nell’avvicinarsi alla reliquia e nel pregare, in un’atmosfera di raccoglimento mai vista – continua il dott. Venanzi - Uscendo dalla cappella, abbiamo chiesto il favore di poterla ospitare anche nel Nucleo Bianco: siamo stati accontentati, ed è stato molto emozionante vedere il contatto che ogni ospite è riuscito ad avere, a suo modo, con questo straordinario passaggio. Avevamo
bisogno di questo dono ricolmo di pace e speranza".  

 

 

 

 

Più informazioni su