CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Allarme di Coldiretti:”Troppi rifiuti nei nostri campi”

Più informazioni su

Grido di allarme dei vertici dell’associazione: un malcostume che riguarda sia Como che Lecco. Il presidente Trezzi:”Segno di ignoranza ed inciviltà, poi danneggia anche le produzioni”. Lungo elenco di materiali dannosi.

 

 

 

“Gettare i rifiuti nei campi è un gesto di inciviltà, oltre che di ignoranza in ogni senso: ignoranza delle norme del buon vivere, del rispetto dell’ambiente e del fatto che, anche per i rifiuti ingombranti, è possibile chiedere il ritiro gratuito agli enti preposti”. Questo il grido di allarme del presidente della Coldiretti interprovinciale di Como e Lecco Fortunato Trezzi nel denunciare un malcostume diffuso anche nei due territori: l’abbandono delle immondizie d’ogni genere attorno ai campi agricoli. Anche le due province lariane, dunque, non sono esenti da questo flagello. Lo conferma il direttore della Coldiretti Francesco Renzoni: “Il problema è diffuso soprattutto ai margini dei maggiori centri abitati e nei campi limitrofi alle principali vie di traffico: vi si trova di tutto, dalle lattine ai sacchi dell’immondizia, alle bottiglie, lattine e persino macerie, bombole del gas, elettrodomestici, eternit, materassi, gomme, mobili. Certo, si tratta di un problema diffuso che, specie nelle aree fortemente urbanizzate della Bassa, assume contorni preoccupanti. Invitiamo i cittadini a denunciare ogni comportamento illegale: siano loro stessi, insieme alle imprese agricole, i primi difensori del territorio e dell’ambiente”.

A ciò si aggiunga che l’area lariana è una zona interessata anche da un afflusso turistico che, specie nei fine settimana, finisce con il lasciare tracce purtroppo visibili. “La mia azienda confina con alcuni sentieri naturalistici e, puntualmente, diversi visitatori vi abbandonano di tutto: dalle lattine di birra a bottigliette varie, sacchetti di patatine ecc.” conferma Alessandro Mapelli, agricoltore meratese e vicepresidente interprovinciale di Coldiretti.

 

Più informazioni su