CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Il “Colpo di fuoco” contagia anche le piante lariane

Più informazioni su

Una ventina almeno i comuni che avrebbero rilevato la presenza di questo batterio che fa appassire rami e frutti in pochi giorni. Ecco l’elenco. Finora difficile riuscire a contenerlo in modo adeguato.

 

 

 

Il “Colpo di fuoco” torna ad aggredire le piante (pere, mele e biancospino in particolare) anche del comasco. Ma ad essere interessate sono pure le province vicine di Monza Brianza, Varese e Lecco.  Si tratta di un batterio originario del Nord America, noto come “Colpo di fuoco batterico” per i sintomi che si possono riscontrare sulle piante infette: rami e frutti che all’improvviso appassiscono, come se fossero stati bruciati. A lanciare l’allarme, dopo attente verifiche di laboratorio su campioni di materiale vegetale, è il Servizio fitosanitario della Regione Lombardia.

“In alcuni Comuni delle province di Como, Varese e Monza e Brianza, aree finora indenni al ‘Colpo di fuoco’ – spiega l’assessore regionale all’Agricoltura -, sono stati individuati focolai di questo terribile batterio, la cui presenza per la sua velocità di contagio e di propagazione impone per legge di procedere alla distruzione delle piante contaminate”. Ma il rischio è di nuovi contagi in tutto il territorio. E così dalla Regione arriva anche l’elenvco dei comuni le cui piante sarebberon state “contagiate” da questo batterio: Lanzo d’Intelvi, Lezzeno Albavilla, Alserio, Anzano del Parco, Bregnano, Cadorago, Cantù, Carimate, Casnate con Bernate, Cermenate, Cucciago, Erba, Eupilio, Figino Serenza, Fino Mornasco, Lambrugo, Longone al Segrino, Lentate sul Seveso, Lurago d’Erba, Merone, Monguzzo, Novedrate Pusiano, Senna Comasco, Vertemate con Minoprio;

Più informazioni su