CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como, altro stop: va ko anche con l’Albinoleffe

Più informazioni su

Sconfitti gli azzurri sul terreno di Bergamo: partita decisa nella ripresa dopo che la fitta nebbia ha rischiato di mandare tutti a casa. Padroni di casa in rete tre volte, accorcia Donnarumma.

 

 

 

Il Como esce con le ossa rotte anche da Bergamo, stadio Azzurri d’Italia. Vince un concreto e deciso Albinoleffe (3-1 il finale) ed adesso mette davvero in brutte acque la squadra lariana di Paolucci, alla nona gara senza vittoria (l’ultima risale allo scorso 14 ottobre). E dire che la gara ha rischiato di fermarsi a metà del suo svolgimento per la fitta nebbia calata su Bergamo: poi i due capitani, d’intesa con il direttore di gara, hanno deciso di proseguire. E nella ripresa il patatrac dopo un primo tempo equilibrato e chiuso sullo 0-0.

Tutto nei secondi 45 minuti. Con i padroni di casa che sono partiti forte ed hanno segnato con Pesenti dopo 4 minuti: è entrato in area indisturbati ed ha battuto Micai. Replica pronta di Tremolada, parata del portiere dei bergamaschi. Poi l’Albino resta in dieci: espulso Tangodeau. Ma non si tira certo indietro: squadra aggressiva e raddoppio al 65esimo ancora con Pesenti anche se Benvenga ha cercato di salvare sulla linea. L’arbitro convalida.

Il Como va in affanno. Paolucci toglie Arditi ed inserisce Lisi. Non cambia nulla. Anzi, al 30esimo è Pontiggia, in contropiede, a fare il 3-0. Da non credere. Loro in dieci a segnare, Como ad arrancare. Accorcia Alfredo Donnarumma, in mischia,un minuto dopo. E’ un’illusione. Non cambia niente da qui alla fine. Dentro anche Velardi alposto di Benvenga, ma la vittoria resta un tabù da ormai due mesi. E sabato l’ultima di andata, in casa, contro il Carpi. Paolucci (nella foto a lato) spera in una bella sorpresa sotto l’albero di Natale: tornare al successo, altrimenti sono guai seri….

Più informazioni su