CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

“Cronaca di una frana”: un libro per Brienno

Più informazioni su

Un libro fotografico, edito da Pozzoni, per non dimenticare la terribile tragedia che ha colpito il paese nel luglio del 2007. Il tutto raccontato attraverso le immagini di Andrea Butti, testimone oculare del disastro.

 

 

 

 

 

Un libro fotografico per non dimenticare la terribile tragedia che ha colpito Brienno nel luglio del 2007. Attraverso le immagini di Andrea Butti, testimone oculare del disastro naturale che ha devastato il piccolo paese del lago, ancora oggi alle prese con la distruzione che la colata di fango ha lasciato dopo il suo passaggio. “Cronaca di una frana – Brienno 7 luglio 2011”, edito da Carlo Pozzoni e con l’introduzione del cronista Stefano Ferrari, è un percorso fotografico che narra l’ansia e la sofferenza di chi ha assistito alla terribile calamità. “Devo ringraziare l’editore e il fotografo per questa idea – spiega Patrizia Nava, sindaco di Brienno – le foto sono molto suggestive. A 16 mesi da quell’evento il paese è ancora nella stessa situazione. Dalla Regione stanno arrivando alcuni finanziamenti, mentre stiamo ancora aspettando quelli dall’amministrazione provinciale. Aspetto fiduciosa, soprattutto per il bene degli abitanti di Brienno”. I proventi della vendita del libro”. I proventi della vendita del libro (10 euro) saranno destinati al piccolo comune del lago.  “Noi cercheremo di dare una mano a Brienno – spiega Carlo Pozzoni – e nelle mie intenzioni ci sono altri progetti in questo senso”. Il libro potrà essere acquistato presso lo studio Pozzoni (via Maurizio Monti 41). “Sono contento che il mio lavoro possa servire ad una causa come questa – spiega Andrea Butti – in quei drammatici giorni era impossibile non sentirsi coinvolti emotivamente, sono stato a contatto con gli abitanti e con chi si è occupato dei soccorsi. Ho cercato di dare una mano, così come tutti hanno aiutato me a svolgere il mio lavoro nonostante la situazione. Mi piace l’idea di poter ricambiare in qualche modo la gentilezza di queste persone”.

 

 


 

 

 

Più informazioni su