CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Risate e divertimento: la Mannino piace ai comaschi

Più informazioni su

La comica ieri in città con il suo “Terrybilmente divagante”. Le differenze di genere e di provenienza come sempre al centro dei suoi monologhi.

 

Ancora una volta la complicata relazione tra uomo e donna. Teresa Mannino, ieri sera al Teatro Sociale di Como con il suo “Terrybilmente divagante”, porta sul palco uno dei temi principali che l’hanno fatta conoscere al pubblico di Zelig. Mondi non solo diversi ma anche opposti: le donne fac totum e gli uomini infantili e materialisti. “Abbiamo a che fare con una lunga complicata tragedia che non avrà mai punto di incontro – racconta la Mannino, con un forte mal di gola che la costringe ad alcune pause – I neurotrasmettitori che veicolano informazioni e comandi tra le aree del cervello e tra questo e il resto del corpo nell’uomo, hanno solo un nome e cioè testosterone, sembra che l’origine dei pensieri dell’uomo partano dalla parte sbagliata del corpo. Nelle donne invece gli ormoni permettono un corretto uso del cervello e dei neuroni che consentono l’uso corretto dell’emisfero destro con quello sinistro”. La comica convince e diverte il pubblico comasco, con i suoi testi dall’impronta marcatamente autobiografica, grazie alla regia di Marco Rampoldi. Non solo uomini e donne nel suo show, ma anche aspetti pungenti tipici del nostro Paese, mettendo in evidenza, con toni sempre goliardici, le differenze tra il frenetico e “a digiuno” Nord, e il rilassato e “tutto in famiglia” Sud.

 

 

Più informazioni su