CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Si rischia lo stop: benzinai, serrata confermata

Più informazioni su

La trattativa tra gestori e Governo resta bloccata. E lo sciopero di due giorni è, al momento, confermato. Lunedì in extremis un tentativo di scongiurare l’agitazione. Per il Lario alternativa Ticino…

 

 

 

 

 

Niente sblocco. La trattativa resta in alto mare ed è confermato anche nelle pompe del comasco lo sciopero dei benzinai in programma dalle 19 dell’11 dicembre alle 7 del 14 dicembre. Questo l’esito dell’incontro dei gestori con il sottosegretario allo Sviluppo economico, Claudio De Vincenti svoltosi oggi. Il 10 dicembre – lunedì prossimo – ci sarà un nuovo incontro per cercare di scongiurare il lungo blocco che rischia di mettere in ginocchio diverse categorie, autotrasportatori in particolare. 

I gestori presenti al tavolo, Faib-Confesercenti, Fegica-Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio hanno chiesto «un intervento diretto sulle compagnie sul rispetto delle norme di settore e un aggiornamento delle condizioni economiche». I gestori, inoltre, dicono di aver illustrato al Governo «tutte le ragioni che ci hanno indotto alla proclamazione di una forma di protesta estrema – si legge in una nota congiunta delle tre federazioni di categoria – alla quale siamo costretti da un comportamento dell’industria petrolifera nel suo complesso che continua a negare anche il più elementare rispetto delle norme che regolano il settore». 

A pagare le conseguenze rischiano di essere gli automobilisti per i quali la porossima settimana potrebbe essere davvero di passione con tutti gli impianti chiusi e l’impossibilità di fare il rifornimento. Per il Lario l’unica “scappatoia” prevista – in un periodo già difficilissimo – è la Svizzera dove molti potrebbero andare a fare rifornimento.

Più informazioni su