CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sant’Anna, Abio Como fa un bel regalo in pediatria

Più informazioni su

Cospicua donazione di giochi oggi nella struttura diretta dal primario Riccardo Longhi. 61 violontari operano tutti i giorni per rendere meno traumatico il ricovero. Associazione attiva dal 1989.

 

 

Una donazione per rendere la sala giochi della Pediatria dell’Ospedale Sant’Anna di San Fermo ancor più a misura di bambino. E’ quella di ABIO COMO, Associazione per il Bambino in Ospedale ONLUS, fondata nel 1988 per promuovere l’umanizzazione dell’ospedale, i cui rappresentanti e volontari si sono riuniti oggi in reparto insieme al personale – il primario Riccardo Longhi in primis – al direttore medico del presidio Fabio Banfi e all’assessore del Comune di Como Luigi Cavadini per un momento di incontro e ringraziamento. L’associazione, per la quale sono intervenuti il segretario generale Franca Bottacin, il presidente della onlus comasca Daniele Lietti e il segretario nazionale Regina Sironi,  ha sostenuto e realizzato il progetto di totale rinnovamento degli arredi della Sala Giochi con la creazione di un ambiente ancor più accogliente, divertente e colorato.

ABIO COMO, che appartiene al Movimento ABIO (www.abio.org), è presente presso l’ospedale Sant’Anna con 61 volontarie e volontari che dal lunedì al sabato, offrono il loro servizio di accoglienza e sostegno a bimbi, adolescenti e genitori in Pediatria, Chirugia Pediatrica, Neonatologia, nell’ambulatorio di Chirurgia Maxillo-Facciale al piano 0 blu, negli ambulatori Pediatrici ogni mercoledì e sabato, nel Pronto Soccorso Pediatrico di via Ravona su richiesta e nel Pre-Ricovero Pediatrico di via Napoleona il venerdì mattina.  L’associazione comasca ha iniziato a operare, da marzo 1989, proprio nel reparto di Pediatria dell’ospedale Sant’Anna accanto al primario di allora,  il professor Enzo Grasso.  I volontari ABIO si occupano di sostenere e accogliere bambini e famiglie, al fine di attenuare l’impatto derivante dall’ingresso in una struttura ospedaliera.

Più informazioni su