CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Spinelli, via agli interrogatori. Restano tanti dubbi

Più informazioni su

I sei fermati per il sequestro-lampo del ragioniere di Berlusconi oggi davanti al giudice: collaboreranno o no ? Intanto caccia a soldi del presunto riscatto pagato: potrebbero trovarsi su conti svizzeri.

 

 

 

Parleranno o no ? Collaboreranno alle indagini o resteranno zitti ? Un giallo nel giallo del sequestro-lampo di Giuseppe Spinelli, il ragioniere-cassiere di Silvio Berlusconi, bloccato nella sua villa con la moglie a metà ottobre da un gruppo armato e minaccioso. Gruppo che avrebbe chiesto a lui 35 milioni di euro per fare avere documenti riservati per l’ex premier nel processo sul Lodo-Mondadori. Oggi, dunque, si saprà se i sei fermati parleranno al Gip di Milano nell’interrogatorio di garanzia: tra di loro anche il comasco Alessio Maier, 46 anni, ora residente a Malnate, considerato dagli inquirenti uno dei componenti attivi della banda.

E mentre sale il numero di indagati per la vicenda (almeno altre sei persone sotto inchiesta, tutte con ruoli più marginali), gli inquirenti cercano – senza trovare riscontri al momento – i soldi che sarebbero stati pagati per il riscatto anche se Spinelli e l’avvocato di Berlusconi continuano a sostenere che nulla è stato dato loro. Per la Procura, invece, 8 milioni sarebbero finiti su conti riferibili ai fermati, probabilmente all’estero. Si punta anche alla Svizzera. Non trovati neppure i presunti documenti riservati da cedere a Berlusconi. Nella disponibilità dei sei, finora, solo alcune pistole-giocattolo con le quali avrebbero fatto irruzione a casa del ragioniere.

Più informazioni su