CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Spaccio in alto lago, si costituisce il latitante

Più informazioni su

Si tratta di un ragazzo di 23 anni di Dongo, all’estero al momento del blitz dei carabinieri nei giorni scorsi. Si è presentato alla caserma di Porlezza, ora è al Bassone. Soddisfazione di cittadini ed amministratori.

 

 

 

In cella anche l’ultimo dei giovani spacciatori dell’alto lago di Como colpiti da custodia cautelare in carcere a conclusione della vasta operazione antidroga condotta dai carabinieri della compagnia di Menaggio. Si tratta di un 23enne residente a Dongo (R.G), casualmente all’estero in concomitanza con lo svolgimento dell’operazione dello scorso 9 novembre. Saputa la notiia e non potendo restare fuori dall’Italia a lungo, ha così deciso di presentarsi spontaneamente dai carabinieri di Porlezza. I militari, dopo averlo identificato, gli hanno notifaco il provvedimento restrittivo e lo hanno accompagnato al Bassone dove si trovano già anche gli altri fermati.

L’operazione dei carabinieri di Menaggio ha portato all’esecuzione di nove ordinanze di custodia cautelare, emesse dal Giudice per le Indagini Preliminari di Como nei confronti di altrettanti ragazzi, tutti residenti nella zona dell’Alto Lago di Como e tutti con ruoli di rilievo nel traffico e nello spaccio delle sostanze stupefacenti nel territorio dell’Alto Lario Occidentale, con particolare riferimento a Dongo e zone limitrofe. L’intera operazione, che con quest’ultimo arresto si può definire conclusa, ha suscitato negli ultimi giorni ampi riscontri positivi da parte della popolazione e delle autorità amministrative e politiche ai militari che l’hanno portata a termine.

Più informazioni su