CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Gioco d’azzardo, anche sul Lario 80 in cura

Più informazioni su

Un fenomeno sempre più grave e diffuso. Milano la capitale della Lombardia con oltre 250 persone seguite da esperti e psicologi. Giro d’affari impressionante. La lettera:”Aiutatemi…”.

 

 

 

La lettera di Carlo M. (niente cognome per questione di rispetto) arriva in redazione a CiaoComo.it in concomitanza con la diffusione dei dati -drammatici – del gioco d’azzardo e non nel comasco. Proprio mentre la Asl (vedi precedente lancio) sta per aprire un nuovo ambulatorio per prendersi in cura queste persone letteralmente “malate” di giocate alle slot o al Gratta&Vinci. Un’ottantina, attualmente, nel comasco. Senza distinzione di età, sesso e professione. Per la maggior parte non necessitano di farmaci, ma di assistenza psicologica. Per aiutare loro e chi sta attorno a loro. A Milano è un record di persone seguite dalla Asl: attualmente 255, a conferma della diffusione impressionante del fenomeno.

La lettera, dicevamo. Arrivata in questi giorni in redazione e scritta da Carlo, un papà che è sull’orlo di una crisi di nervi e non solo. Spiega e non si vergogna a farlo che il figlio – quasi 35 anni, separato e padre di due bimbi – riesce a dilapidare ogni cosa al gioco. “Quello che non riesco a farmare – scrive nella missiva arrivata alla redazione del nostro giornale – è la sua impulsività. L’altro giorno, ad esempio, ha preso lo stipendio e si è fermato al bar sotto casa. Ha perso in due ore quasi 350 euro tra macchinette e schedine…”. Disperazione, incubo, dramma. Ed è lo stesso Carlo a chiedere – ora per lui almeno c’è una risposta concreta – un aiuto:”Non so più cosa fare – conclude -. Ho provato a fargli sparire i soldi che aveva nel cassetto. Ha fatto il diavolo a quattro per riaverli. Io non so più cosa fare e cosa dire: a chi mi posso rivolgere ?”, chiude con questa domanda. Ora, però, con una risposta. All’Asl di Como c’è un team di esperti che può cercare di limitare questa, devastante, ludopatia convulsiva…

Più informazioni su