CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

‘Ndrangheta, altro blitz sul Lario: perquisizioni e arresti

Più informazioni su

L’operazione è scattata questa mattina all’alba da parte dei carabinieri. Ricostruita l’attività criminosa di diverse famiglie. Un uomo di Longone fermato a Cantù in ospedale.

 

 

 

Ancora le ramificazioni della ‘Ndrangheta sul Lario. Ha toccato anche la provincia, infatti, l’operazione che stamane all’alba ha portato i carabinieri di Reggio Calabria ad eseguire 40 ordinanze di custodia cautelare. Persone che avrebbero condizionato gli appalti pubblici con una concorrenza sleale grazie al controllo, diretto o indiretto, di imprese edili e movimento terra oltre a condizionare il libero esercizio di voto in particolare al Sud Italia. Dagli inquirenti, al momento, la conferma di un arresto fatto all’ospedale di Cantù: in manette un presunto affiliato, un uomo di LOngone al Segrino.

L’operazione, denominata ‘Saggezza’, secondo gli investigatori, ha consentito di documentare gli organigrammi e le presunte attivita’ illecite della ‘ndrangheta, accertando, l’esistenza e l’operativita’ di cinque “locali” ad Antonimina (famiglia Romano), Ardore (famiglia Varacalli), Canolo (famiglia Raso), Cimina’ (famiglia Nesci) e Cirella di Plati’ (famiglia Fabiano), individuandone i vertici. Le famiglie, secondo l’accusa, avevano la gestione ed il controllo diretto ed indiretto di attivita’ economiche nella zona di Reggio Calabria in particolare, oltre ad un circuito di usura ed esercizio abusivo dell’attivita’ di credito.

 

Più informazioni su