CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Lo ha ridotto in sedia a rotelle, sconto di pena a Milano

Più informazioni su

I giudici del Tribunale di Appello rigettano i futili motivi per Emanuele Perino, il giovane di Cabiate che nel gennaio del 2009 sparò al padre della ragazza che lo aveva denunciato per molestie: 7 anni e 4 mesi.

 

 

 

 

12 anni in primo gradoa Como, scesi poi in Appello a Milano a 10. Sentenza poi clamorosamente annullata dalla Cassazione e fascicolo rimandato a Milano per un difetto di motivazione nei futili motivi sostenuti dalla pubblica accusa. Ed oggi a Milano i giudici del Tribunale di appello hanno deciso per uno sconto di pena di tre anni per Emanuele Perino, il 25enne di Cabiate che nel gennaio del 2009 sparò alcuni colpi di pistola – riducendolo su una sedia a rotelle per le lesioni permanenti – a Vincenzo Di Maso, il padre della ragazza che lo aveva denunciato per molestie. L’episodio a Mariano Comense davanti all’abitazione dell’uomo, un ex carabiniere. La condanna scende, dunque, a sette anni e quattro mesi di reclusione. I giudici hanno escluso i cosiddetti futili motivi all’origine del gesto.

Per la difesa, Perino si sarebbe recato quel giorno dal padre della giovane per chiarire quella vicenda e la denuncia subita. La discussione sarebbe poi degenerata fino agli spari. Perino, scappato subito dopo per poi costituirsi la sera successiva, è stato giudicato non compatibile con il regime di detenzione in carcere dai giudici milanesi di secondo grado: sta scontando la condanna agli arresti domiciliari.

 

Più informazioni su