CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Libertas, che partenza: Cagliari subito al tappeto

Più informazioni su

Netto 3-0 per i ragazzi di coach Della Rosa nel pomeriggio al Parini. L’opposto De Luca il migliore in campo con 24 punti, bene anche Bellini e Ruggeri. La soddisfazione dei dirigenti brianzoli.

 

 

Cassa Rurale Cantù-Cagliari Volley 3-0 (25-22, 25-22, 25-19)

CASSA RURALE CANTU’: Gerosa 3, De Luca 24,  Ruggeri 6, Dordei 1, Monguzzi 6, Robbiati 8, Butti (L1), Zago, Sala, Bellini 9, Verga, Panighini, Laneri (L2).All. Della Rosa, Ass. Redaelli.

CAGLIARI  VOLLEY:  Meriggioli 3, Mazzotta 20, Cristiano 6, Menicali 4, Mascia 7, Dutto 5, Cadeddu (L1),  Martufi (L2), Donzella, Isidoro, Astarita 2, Durante. All. Balletto, Ass. Puxeddu.

Buonissima la prima per la Libertas Cassa Rurale Cantù che bagna con un successo il suo debutto in serie B1 di volley maschile sconfiggendo 3-0 il  Cagliari questo pomeriggio al Parini. La partita inizia sui binari dell’equilibrio con le due squadre che si rispondono colpo su colpo. L’opposto canturino Francesco De Luca parte bene ma il suo pari ruolo Mazzotta non è da meno. Il muro subito dalla banda canturina Alessandro Dordei manda le squadre al primo time out tecnico sull’8-7 in favore degli isolani, che appena usciti bissano il muro su Dordei e ottengono il primo break del set (7-9), break cha aumenta dopo l’errore in attacco di Dordei. E’ poi un errore dellla difesa di Cagliari a chiudere il parziale (8-10). Un sapiente mani out di Ruggeri , un muro della coppia Robbiati-De Luca e un’infrazione di Mazzotta riportano a contatto Cantù ma è lo stesso Mazzotta a chiudere il contro parziale (11-12), prima che Mascia e l’ace di Dutto riportino avanti i sardi costringendo Della Rosa al primo time out (11-14). E’ Ruggeri a chiudere il break con un’ottima diagonale. L’ace di De Luca riporta a contatto Cantù (13-14) che poi impatta con il muro di Robbiati. Sul 15-15 Della Rosa sostituisce Dordei con Bellini e l’attacco fuori dei cagliaritani manda le squadre al secondo Time Out tecnico con la Cassa Rurale avanti di un punto (16-15).Un altro muro punto di Robbiati da il doppio vantaggio alla Cassa Rurale, che grazie all’errore di Mascia va sul 18-15, prima del Time Out del coach ospite Balletto. Alberto Bellini con un ottimo mani fuori riporta Cantù avanti di tre lunghezze, vantaggio che rimane invariato dopo gli attacchi di Mascia da una parte e De Luca dall’altra. L’opposto canturino chiude una diagonale impressionante e un muro altrettanto imperioso porta Cantù al massimo vantaggio (22-17). Cantù guadagna il primo set point dopo un grandissimo recupero di Butti perfezionato da De Luca. Cagliari annulla quattro palle set e Della Rosa è costretto al time out (24-22) prima che  ancora De Luca chiuda il parziale 25-22.

 

Sestetti invariati nel secondo set, che inizia con due muri di capitan Gerosa intervallati da un errore isolano che da il primo break ai canturini costringendo gli ospiti al Time Out (3-0) da cui Cagliari esce bene impattando con Mazzotta e mettendo la freccia con Mascia (4-3). Due errori consecutivi di Cagliari rimandano avanti Cantù, prima che l’attacco out di Dordei porti al controsorpasso isolano. Il muro su De Luca da il primo break di vantaggio agli ospiti (5-7) che diventa 5-8 grazie all’ace di Dutto. Cantù riesce a riportarsi a ridosso di Cagliari prima dell’attacco di Menicali (8-10). Per qualche scambio poi le squadre si rispondono colpo su colpo con qualche errore da entrambe le metà campo. Il muro di Cristiano riporta gli isolani sul +3 (14-11), Cantù piazza un parziale di 6-0, riporta in parità la contesa e mette poi la freccia grazie ad un’invasione a rete e allunga con il primo di tempo di Monguzzi che manda le squadre alla seconda sospensione tecnica (16-14 per i brianzoli). Cantù commette diversi errori al servizio ma riesce a mantenere il vantaggio invariato prima che l’errore in attacco di Bellini riporti Cagliari a -1 (22-21). Ma Mazzotta, il migliore dei suoi sbaglia il servizio. L’attacco di De Luca vale il primo di tre set point, annullato però dal solito Mazzotta. Azzarita manda in rete il servizio e il secondo parziale si chiude con un punteggio fotocopia al primo (25-22).

 

Nel terzo set l’unica novità tra le fila di Cantù è l’ingresso di Bellini al posto di Dordei. Cantù parte subito col piede giusto e conquista un break di vantaggio arrivando in un amen sul 4-0 e costringendo ancora una volta Balletto a chiamare un time out immediato. Gerosa in uscita dal time out manda out il servizio ma nello scambio o successivo serve De Luca che da posto 4 non tradisce. Cantù cantinua ad allungare e si va alla prima sospensione tecnica sull’8-2. L’errore al servizio di Monguzzi e quello di Mazzotta non cambiano il divario tra le due formazioni. Cagliari prova ad accorciare le distanze col turno al servizio di Cristiano ma è ancora una volta De Luca a spegnere le velleità isolane. Cantù restituisce il minibreak con gli interessi, obbligando Cagliari al secondo time out discrezionale (14-6). La difesa di Cagliari non riesce a contenere una diagonale da posto 2 di Bellini e si va al secondo Time Out tecnico con i brianzoli che hanno doppiato gli isolani (16-8). Gli ospiti non demordono e riducono sensibilmente lo svantaggio obbligando Della Rosa a chiamare il primo time out discrezionale (19-15 Cantù). All’uscita dal time out l’inerzia è comunque favorevole agli isolani che tornano a -2 prima che l’ennesimo punto di De Luca riporti avanti Cantù. Mazzotta risponde un’altra volta e Cagliari torna a -2 (20-18). De Luca continua a spadroneggiare e con tre punti di fila manda Cantù a +5 (23-18) ma è il solito Mazzotta a chiudere il break. Ancora De Luca da posto 4 (24-19). Dopo una grande difesa di Luca Butti è Alberto Bellini a mettere il punto della staffa. E’ il 25-19 che chiude la partita e da a Cantù i primi tre punti stagionali. Applausi a scena aperta da parte del numeroso pubblico presente al Palasport Parini.

 

Soddisfatto il coach canturino Massimo Della Rosa (nella foto a lato): “Abbiamo affrontato un Cagliari volitivo che ci ha messo in seria difficoltà nel primo e nel secondo set, anche per colpa del nostro muro poco attento. Quando abbiamo trovato i giusti automatismi in questo fondamentale tutto è stato più semplice. Se devo guardare la nostra prestazione si può sicuramente migliorare qualcosa da parte dei laterali ma per il resto al momento va benissimo così anche perché i sardi sono un’ottima squadra”

Più informazioni su