CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Eleca, un venerdì di protesta:”Non ci fermiano”

Più informazioni su

I lavoratori dell’azienda di Cantù sempre più preoccupati per il loro futuro: tanti striscioni all’esterno dell’azienda e presidio ai cancelli. Con loro anche il sindaco Bizzozero.

 

 

 

 

La tensione che sale, i lavoratori sempre più esasperati. Senza lavoro, senza stipendio da tre mesi, senza la liquidazione. In mezzo alla strada. Proprio il metodo usato – ieri come oggi – per protestare contro i dirigenti della Eleca per averli ridotti così. Striscioni dai toni forti ai cancelli, presidio ai cancelli fino a settimana prossima. In attesa di qualche spiraglio, di qualche risposta che non arriva ancora. La rabbia è stata forte anche ieri quando il proprietario, Roberto Manzoni, ha detto ai dipendenti fermi fuori dai cancelli con la loro preoccupazione:”Dovete vergognarvi…”, poi se n’è andato in ufficio.

I dipendenti Eleca anche oggi hanno protestato. E lo faranno, all’esterno della ditta di via Como, pure settimana prossima. Hanno anche incassato la solidarietà del sindaco Claudio Bizzozero, andato a parlare con loro per capire se e come è possibile trovare una intesa. Ma tra i dipendenti – 170 in tutto – inizia a serpeggiare lo sconforto: da mesi sono senza soldi e le prospettive sempre più nere.

 

Più informazioni su