CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sant’Anna e Cantù, ora sorridono le due pediatrie

Più informazioni su

Sensibilità particolare dell’Associazione Silvia: la presidente ha donato alle due strutture un’apparecchio sofisticato per alleviare i disagi ai bambini ricoverati. Ecco come funziona.

 

 

 

Una donazione dell’associazione S.I.L.V.I.A onlus per le pediatrie dell’Azienda Ospedaliera Sant’Anna di Como. La presidente Lidia Salice e Antonio Bizzozzero hanno consegnato stamattina al primario del reparto di Pediatria dell’ospedale Sant’Anna Riccardo Longhi una nuova apparecchiatura. La cerimonia è avvenuta anche alla presenza del direttore generale del Sant’Anna Marco Onofri, del direttore sanitario Giuseppe Brazzoli e del direttore amministrativo Salvatore Gioia oltre che del personale di reparto.

Si tratta di un dispositivo, del valore di circa 15mila euro, dotato di un sistema a raggi infrarossi e led (non nocivi) che consente di visualizzare al meglio le vene del bambino quando gli viene prelevato il sangue ed evitare così di ripetere l’operazione alla ricerca di un accesso vascolare, risparmiando al piccolo ulteriori fastidi.La stessa apparecchiatura è stata donata anche alla Pediatria dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Cantù, rappresentato oggi dal primario Alfredo Caminiti alla presentazione.

“L’apparecchiatura – ha spiegato Longhi – sfrutta una tecnologia innovativa che consente di vedere fino a un centimetro di profondità sotto la pelle la consistenza del patrimonio venoso e di procedere scegliendo l’accesso migliore per il prelievo. Una manovra necessaria e di routine, questa, vissuta però come altamente fastidiosa e dolorosa. Inoltre, il dispositivo può essere impiegato anche per il monitoraggio di ago-cannule. La donazione dell’associazione, che ringraziamo sentitamente a nome di operatori e pazienti, ci fa fare anche un salto di qualità nell’umanizzazione del reparto”. Il primario della Pediatria del Sant’Anna ha concluso sottolineando che l’apparecchiatura, qualora ve ne fosse la necessità, potrà essere “prestata” ad altri settori, come la neonatologia o la geriatria.

Più informazioni su