CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Tamburini, fine vicina. Ma gli operai aiutano altri

Più informazioni su

Ormai giorni contati per la ditta di Carugo specializzata in materiale anticorrosivo. Iniziata l’assemblea permanente per vigilare sui beni aziendali. Ma anche solidarietà verso chi rischia di andare in crisi…

 

 

Non ci stanno, non si vogliono arrendere anche davanti ad una drammatica evidenza dei fatti. E così gli oltre 50 dipendenti della Tamburini di Carugo, hanno deciso di iniziare una assemblea permanente dopo che la proprietà ha comunicato loro l’intenzione di portare i libri in tribunale a metà della settimana prossima per mettere la società in liquidazione. Insomma, dato tratto e nessuna possibilità di fare marcia indietro. I lavoratori, come fanno sapere i sindacati, sono decisi a tutelare e presidiare i beni aziendali in attesa che il tribunale fallimentare prenda in carico la vicenda e nella speranza che ne consegua l’interessamento da parte di società interessate a rilevare l’azienda. Nel frattempo, da ieri le organizzazioni sindacali hanno iniziato una messa in mora contro la Tamburini che si tradurrà in una vertenza legale.

 

Lotta, ma anche solidarietà e rispetto per altre persone. E così i dipendenti della Tamburini, saputo che altri lavoratori di grandi aziende rischiavano la cassa integrazione a cauda del materiale non ricevuto dalla Tamburini – indispensabile per proseguire la loro attività – hanno deciso che, pur proseguendo lo stato di assemblea permanente alcuni reparti porteranno a termine delle lavorazioni urgenti e provvederanno alle relative consegne, per evitare ricadute su altre realtà produttive. “Gli operai vogliono tutelare il proprio postto di lavoro, ma sono disposnibili a fare tutto quanto nelle loro possibilità per evitare conseguenze spiacevoli a terzi” come sottolineano Rosaria Maietta della Filctem Cgil e Luigi Bartesaghi della Femca Cisl.

Più informazioni su