CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

E’ ancora latitante l’aggressore di Arosio: braccato

Più informazioni su

Per lui il Pm di turno ed i carabinieri ipotizzano il tentato omicidio. L’uomo, dopo aver ferito la moglie ieri mattina, è riuscito a dileguarsi. Nessuna traccia, i militari lo hanno cercato anche nella notte.

 

 

 

 

Ancora non è stato trovato. I carabinieri della compagnia di Cantù lo hanno cercato a lungo anche nella notte – in alcuni rifugi frequentati da extracomunitari – e pure in mattinata. Ma del 30enne clandestino marocchino che ieri (vedi precedente lancio) ha aggredito verbalmente e poi ferito la moglie ad Arosio, cortile di via Manzoni e via degli artigiani, ancora nessuna traccia. L’uomo, sia pure sporco di sangue, è riuscito dileguarsi. La donna, intanto, è sempre in ospedale in osservazione, ma il peggio sembra passato: non rischia la vita anche se è ancora sotto choc per quello che le è capitato ieri. Il litigio, secondo i carabinieri, sarebbe da metgtere in relazione ad alcuni soldi che l’uomo avrebbe utilizzato senza dire nulla alla consorte, irregolare pure lei in Italia. Se rintracciato il marocchino finirà in carcere con l’accusa di tentato omicidio: Pm di turno in procura a Como e militari, infatti, ritengono che i due fendenti con il coltello da cucina potevano anche uccidere.

Più informazioni su