CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Insulti razzisti tra meridionali: ora tocca al giudice

Più informazioni su

Nell’ottobre del 2010 il litigio e le botte a Campione d’Italia, ora i “contendenti” aspettano di chiarire il tutto in aula. Prima insulti pesanti, poi anche l’aggressione. Ma le versioni sono differenti…

 

 

 

Uno contro l’altro. Un siciliano che insulta un calabrese a sfondo razzista.Non solo tra Nord e Sud, ma anche tra due nati quasi alla stessa latitudine. E’ successo in piazza Roma a Campione d’Italia (nella foto a lato) nell’ottobre del 2010 quando un 32enne di Chiaravalla Centrale (Catanzaro) viene a contatto con un coetaneo nato a Piedimonte Etneo (Catania) e nasce la zuffa. Prima sarebbero volati gli insulti e gli apprezzamenti, poi le botte. Ma le versioni dei fatti sono del tutto discordanti: secondo il racconto del siciliano, il calabrese gli avrebbe messo all’improvviso messo le mani al collo per poi colpirlo al volto. Frattura dello zigomo e lesioni guaribili in 20 giorni. Per il calabrese, invece, il “rivale” dopo averlo apostrofato con insulti razzisti  – del tipo “calabrese di m….” – lo avrebbe colpito in pieno volto con un pugno.

Due querele uno contro l’altro. Il Pm della Procura di Como ha deciso di mandare entrambi a processo contestando al calabrese l’accusa di lesioni e al siciliano quella di percosse. L’11 ottobre saranno in aula, uno di fronte all’altro, per dirimere la questione con il giudice di pace.

Più informazioni su