CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Onida e Coletti a confronto per chiudere Parolario

Più informazioni su

Davvero molto interessante l’incontro di mercoledì al Collegio Gallio: il presidente emerito della Corte costituzionale ed il vescovo di Como dialogano sui simboli religiosi nei luoghi pubblici.

 

 

 

Un confronto che si preannuncia di grande interesse. E che, di fatto, chiude l’edizione 2012 di Parolario, la rassegna culturale comasca che ha avuto un enorme riscontro di pubblico quest’anni grazie anche allo spessore degliospiti invitati ed alla qualità degli incontri proposti. Mercoledì 19 settembre alle 20.30, presso l’Auditorium del Collegio Gallio di Como (entrata da Via Barelli), si terrà l’incontro con Valerio Onida, Presidente emerito della Corte Costituzionale, e Monsignor Diego Coletti, Vescovo di Como, dal titolo “I simboli religiosi nei luoghi pubblici. Fondamenti e prospettive etiche e culturali della civiltà europea”. L’incontro, introdotto dall’assessore Marcello Iantorno, è organizzato in collaborazione con A.G.eD. Associazione Giustizia e Democrazia. Ingresso libero.

Il dialogo prenderà spunto dal caso Lautsi contro Italia, sull’esposizione del Crocifisso nelle scuole, e dalla relativa sentenza della Corte Europea dei diritti dell’uomo del marzo 2011. Il 18 marzo 2011 la Grande Chambre della Corte Europea per i diritti dell’uomo si espresse a favore dell’Italia nel caso che vedeva lo Stato contro la signora Lautsi, cittadina italiana di origine finlandese, che si era opposta alla presenza del Crocifisso nelle aule dell’istituto scolastico frequentato dai figli. Secondo la sentenza “è legittima la scelta dello Stato di riservare maggiore visibilità alla religione maggioritaria del Paese attraverso la semplice esposizione di un simbolo religioso (quale il Crocifisso) negli ambienti di scuola, sempre che tale scelta non conduca al vero e proprio indottrinamento”.

 

Partendo da questa sentenza Valerio Onida e Diego Coletti discuteranno della presenza dei simboli religiosi nei luoghi pubblici, focalizzando l’attenzione sul Crocifisso, considerato uno dei simboli della storia e della cultura italiana ed europea. Valerio Onida è uno dei maggiori giuristi italiani. Avvocato specializzato in questioni di diritto costituzionale e amministrativo, nel 1996 viene eletto Giudice Costituzionale dal Parlamento. Tra il 2004 e il 2005, inoltre, è stato presidente della Corte Costituzionale. Finito il mandato di giudice è tornato ad insegnare all’Università degli Studi di Milano, dove tiene un corso di giustizia costituzionale presso la Facoltà di Giurisprudenza.

Più informazioni su