CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Non solo “stangata”: Imu a rate per chi è in crisi

Più informazioni su

Decisione della giunta di Como nella seduta di ieri sera: dilazione di pagamento sull’imposta a chi ha avuto una proroga della banca per il mutuo. L’assessore Pusterla:”Segnale importante”.

 

 

 

Un segnale importante. Una “apertura” del comune di Como verso le tante famiglie in difficoltà economica. La giunta cittadina, nella riunione conclusa in serata di ieri, ha deciso di concedere una dilazione per il pagamento dell’Imu sulla prima casa a chi si è già visto concedere dalla banca una proroga per il mutuo. “E’ stata prevista come era stato suggerito dal consiglio comunale (il consigliere Mario Molteni di PerComo) – spiega l’assessore al bilancio Giulia Pusterla (nella foto a lato) – la possibilità di prevedere una dilazionare del pagamento dell’imposta per la prima casa per quei cittadini che, avendo difficoltà finanziarie riconosciute, abbiano ottenuto dalle banche la proroga per il pagamento del mutuo. La dilazione, fino ad un massimo di 24 mesi, prevede il pagamento degli interessi legali ma nessuna sanzione. Riteniamo che si tratti di un segnale sociale importante”.

Nel corso della seduta di ieri, la giunta ha altresì approvato il nuovo Regolamento per l’applicazione dell’imposta municipale propria, provvedimento che approderà anch’esso all’esame del consiglio comunale. Il regolamento è stato predisposto sulla base di una bozza del Ministero dell’Economia e delle Finanza. Nel provvedimento si è tenuto conto, in particolare, dell’ordine del giorno presentato dal consiglio comunale in sede di discussione del bilancio, lo scorso luglio, (firmatari i consiglieri Marco Servettini (capogruppo di Amo la mia città), Stefano Legnani (capogruppo del Pd), Marco Tettamanti (capogruppo di Como civica) e Luigi Nessi (capogruppo di Paco/Sel) ed è pertanto stata prevista l’applicazione dell’aliquota d’imposta riservata allo Stato ai fabbricati posseduti dalle cooperative sociali e dalle Onlus a titolo di proprietà o di locazione finanziaria (con una variazione di bilancio quantificata in 40mila euro).

Più informazioni su