CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Non un rientro facile, subito i lavori sulle strade

Più informazioni su

Impossibile farli prima spiega il Comune di Como. Da oggi al via una serie di interventi in orari notturni, ma altri cantieri pronti a decollare. Da oggi meglio evitarei Lazzago.

 

 

 

Rientro con (brutta) sorpresa. Centinaia di comaschi forse non lo sanno ancora, i più perchè sono rimasti via per diversi giorni. Ma la Como che oggi si rimette in moto dopo le vacanze deve anche fare i conti con i cantieri. Già, proprio così. Impossibile, secondo l’assessore alla viabilità Daniela Gerosa, fare i lavori prima, necessario intervenire ora sulle strade. E da oggi,ecco serviti i possibili disagi. S

Si inizia subito (fino a venerdì 7 settembre) con la chiusura della rampa di accesso all’Autostrada A9 a Como Sud e la rampa che dalla rotatoria di Lazzago di via Cecilio porta a Grandate e al Centro Tir di via Colombo per lavori di asfaltatura. Intervento serale dalle 20 e per tutta la notte. E’ vietata la circolazione di ogni specie di veicoli sugli svincoli di Lazzago e più precisamente sulla rampa che porta all’ingresso dell’Autostrada A9 a Como Sud e le rampe che portano a Grandate e al Centro Tir di via Colombo. “Come avevamo già spiegato – ricorda l’assessore alle strade e alla mobilità Daniela Gerosa – i lavori di asfaltatura sono, purtroppo, slittati a fine agosto per questioni amministrative. La notizia non ci ha certamente entusiasmati e stiamo già lavorando perché per il futuro i lavori vengano eseguiti nel periodo estivo per minimizzare il più possibile i disagi”.

Altri caniteri in vista in questi giorni anche se il calendario completo ancora non c’è. Finito l’intervento in via per Cernobbio, dalla notte scorsa operai e ruspe per fresatura ed asfalto in via Rodari e piazza Roma a Como. L’asfaltatura verrà con ogni probabilità terminata stasera. Mercoledì – ma di giorno – si procederà con la fresatura e la riasfaltatura di alcuni tratti delle vie Alberina, Giovanni da Meda, Frigerio e Col di Lana.

Più informazioni su