CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

La giornata da incubo: ore per fare la Regina

Più informazioni su

Forse il giorno peggiore negli ultimi anni per la viabilità comasca e non solo: sulla sponda lecchese a passo di lumaca per la Valtellina. Tra rabbia e caldo. Da Lenno in avanti la paralisi.

 

 

 

Forse davvero la giornata peggiori degli ultimi anni. Del decennio. Un incubo costante e vero per gli automobilisti, migliaia dei quali oggi bloccati tra Regina e vecchia provinciale 72 sulla sponda lecchese del lago. Perchè da questa mattina – e non si sa quando verrà riaperta – la supertrada 36 è chiusa tra Abbadia e Colico in direzione nord per un camion che ha perso carico sulla sede stradale. Disagi a non finire. I peggiori per coloro che dovevano raggiungere Lecco, ma sopratutto i paesi dopo: da Mandello alla Valtellina passando per l’unica alternativa possibile, la vecchia provinciale a lago. Tutti fermi dopo questa deviazione obbligatoria: a passo di lumaca, tra rabbia, caldo ed esasperazionea fior di pelle. La coda ha raggiunto anche i 15 chilometri.

Non è andata meglio (vedi precedente lancio) anche sulla regina. Da stamane trafficatissima per la presenza di più mezzi rispetto al solito anche per la chiusura del tratto verso Lecco della superstrada tra il Trivio di Fuentes e Bellano. Molti hanno deciso di percorrere la Regina. Da Lenno a Colonno molti camion si sono bloccati, rendendo difficoltosa la circolazione. I disagi sono proseguiti per tutta la giornata in concomitanza con l’aumento del flusso di traffico rispetto al solito. A farne le spese anche molti artigiani e pendolari, ma pure ignare famiglie di stranieri in vacanza. Disagi senza fine e rallentamenti per oltre una decina di chilometri di arteria: praticamente da Lenno in avanti (in entrambe le direzioni). Giornata da dimenticare. Storie e disagi che possino essere raccontati alla redazione di CiaoComo.it (redazione@ciaocomo.it)

Più informazioni su