CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

“Una questione di vita e di morte” oggi al Carducci

Più informazioni su

Appuntamento questa sera in viale Cavallotti a Como: monologo di grande riflessione con Luca Redaelli, ispirato alla vicenda di Eluana Englaro. A seguire un dibattito.

 

 

Questa sera alle ore 21 presso la Sala “Musa” dell’Associazione Carducci a Como (via Cavallotti 7) verrà rappresentato il monologo “UNA QUESTIONE DI VITA E DI MORTE.Veglia per E.E.”, scritto e interpretato da Luca Radaelli: concluderà la sesta edizione della rassegna culturale “IL TEMPO CHE RESTA” promossa dall’Associazione ACCANTO Onlus di Como, impegnata nella promozione di iniziative e attività di cura, formazione e servizi rivolti ai bisogni e alla problematiche dei malati oncologici, di AIDS o di altre malattie non guaribili. A seguire, dopo lo spettacolo, si terrà un incontro con la partecipazione di VITTORIO ANGIOLINI, Professore ordinario di Diritto costituzionale e Diritto costituzionale dell’Unione Europea all’Università degli Studi di Milano e Professore di Giustizia costituzionale all’Università Cattolica di Milano, già membro del Collegio di difesa di Beppino Englaro e ANDREAS KOEHN, Pastore della Chiesa Valdese di Como, Ricercatore in Teologia all’Università di Amburgo, già membro del Comitato di Bioetica della Provincia di Udine.

Ispirata alla drammatica vicenda di Eluana Englaro, la pièce teatrale vede in scena Luca Radaelli (nella foto a lato), autore, attore e regista teatrale, con l’accompagnamento musicale e vocale di Marco Belcastro, musicista, cantante e compositore. Attraverso la chiave di lettura del teatro, la narrazione e la musica, il monologo propone al pubblico una riflessione su temi cruciali, profondi e intimi – la vita e la morte, la malattia, la volontà e libertà personale, l’etica, la religione e la fede, la laicità. Tematiche che hanno animato e animano tuttora il dibattito pubblico e politico-istituzionale sui temi legati alle questioni di fine vita. Il lavoro drammaturgico di Luca Radaelli che, con sobrietà, sensibilità ed emozione, affronta “in punta di piedi” un tema complesso, difficilissimo, come quello della morte, è stato realizzato con il prezioso contributo e la collaborazione di Beppino Englaro, padre di Eluana, e del suo libro “Eluana. La libertà e la vita” (scritto in collaborazione con Elena Nave, ed. Rizzoli, 2008).

«In tutte le culture – sottolinea Luca Radaelli – la morte è un fatto naturale. Dall’Irlanda all’isola di Bali, dalla Calabria alle steppe russe, le comunità si riuniscono a vegliare il morto con canti e racconti, mangiando o ubriacandosi. Noi vogliamo riprendere questa tradizione anche per chi non l’ha sperimentata”.

Più informazioni su