CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Como, due partite in casa di fila. Il 25 a Pavia

Più informazioni su

Ufficiale la data del recupero della gara di ieri annullata per la morte di Morosini in campo. E il presidente di Lega Pro Macalli tuona: o defibrillatori in campo o non si gioca.

 

 

 

Programma intenso per il Como: tre partite in una settimana sulla strada della salveza. Due, di fila, in casa. Poi, mercoledì 25 aprile, il recuoero di Pavia (ore 15) per la gara annullata ieri per la morte di Piermario Morosini sabato a Pescara. Si parte mercoledì alle 18 con il Taranto, atteso al Sinigaglia per la gara di recupero (si deve ripartire da zero) causata dall’infortunio all’arbitro nel finale: il risultato era di 1-1. Ora si inizia da 0-0 e per gli azzurri anche un Ramella in meno in panchina per la squalifica. Domenica prossima ancora in casa: arriva il MOnza per un derby da vincere a tutti i costi per spingere nel baratro i “cugini” e portare a casa i punti salvezza. A Pavia, come detto, si va a metà della prossima settimana, nel giorno dell’anniversario della liberazione. In campo alle 15.

Intanto, la tragedia di Pescara, ha fatto scattare le prime reazioni. Ed oggi il presidente di Lega pro Mario Macalli è stato categorico:”D’ora in poi – ha spiegato anche alla redazione – le partite si giocheranno solo in presenza di defibrillatori pronti da usare e personale qualificato in grado di farlo. In caso contrario, niente gare”. Anche il Como, dunque, si deve adeguare.

(Nella foto a lato lo sfortunato calciatore del Livorno Piermario Morosini, morto sabato in campo a Pescara)

Più informazioni su