CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Bossi lascia la Lega:”Un gesto da grande uomo”

Più informazioni su

Le prime reazioni nel comasco dopo la decisione del “Senatur” di andarsene dal partito da lui fondato per la bufera sui presunti fondi pubblici utilizzati dalla famiglia. Carioni:”Sono triste”.

 

 

 

 

Dopo la decisione di Bossi di lasciare la Lega (vedi lancio precedente) resta lo choc e lo sbigottimento dei militanti del partito. In molti, però, si sentono traditi da quello che è stato, per anni, il leader indiscusso. A dirlo anche il vescovo di Como, Diego Coletti, in una intervista a Radio Vaticana. “Quello che ha fatto lui non l’avrebbe fatto nessuno – spiega  alla redazione Leonardo Carioni, presidente della provincia di Como (nella foto a lato) -. Io sono molto triste ed amareggiato per com’è andata a finire questa storia, perché lui era ed è un grande uomo, simbolo del partito. Ora aspettiamo, sono convinto che piano si farà chiarezza e speriamo che si risolva tutto nel migliore dei modi”.

La notizia ha scosso non poco gli animi all’interno del partito e anche Nicola Molteni, candidato sindaco per Cantù, si è detto molto dispiaciuto: “La lega è Umberto Bossi, Umberto Bossi è la Lega – commenta –  e io credo che anche con questo gesto abbia confermato di essere un grande uomo, un grande leader politico forse uno dei più grandi del nostro paese. Il problema non è Umberto Bossi – conclude – ma alcuni elementi, alcune mele marce all’interno del partito che hanno danneggiato fortemente la Lega”

Più informazioni su