CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

7 giorni di impianti chiusi. Ora i benzinai lariani alzano la voce

Più informazioni su

Anche gli aderenti alla Confcommercio hanno deciso di aderire a questa protesta contro liberalizzazioni e accise alle stelle. Date dello sciopero ancora da decidere. La presidente Maroni:"Posti a rischio". Alzano la voce anche i benzinai comaschi. E dicono si allo sciopero di sette giorni che è stato annunciato dalla categoria per dire no a liberalizzazioni nel settore ed accise sempre alle stelle, con prezzi dei carburanti poco competitivi al raffronto con quelli del Ticino attualmente. L'agitazione deve essere ancora stabilita con modalità e data, ma gli aderenti alla Confcommercio hanno già espresso il loro si incondizionato. E la conferma arriva da Daniela Maroni, presidente dei benzinai di Confcommercio:"Qui c'è da salvare posti di lavoro. Nostri, ma sopratutto dei dipendenti. E se passa questo decreto sarà un problema perchè da noi nessuno sarà in grado di creare distributori multi marca, come auspicato dal Governo. Per non dire dello sconto al confine, sempre più basso ed inefficace". Tutti sul piede di guarra, dunque, e decisi a chiudere le pompe – self service compresi – per una settimana di fila. "Così il governo finalmente – conclude la Maroni – capirà il nostro disagio".

Più informazioni su