CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Conto alla rovescia per i saldi invernali: si parte giovedì mattina

Più informazioni su

C'è grande attesa tra i commercianti di Como e provincia per la stagione di vendite a prezzi ribassati. 124  i negozi che hanno aderito all'iniziativa di Confcommercio per fornire la massima trasparenza.

Il conto alla rovescia è partito. Da giovedì 5 gennaio al prossimo 4 marzo si svolgeranno i saldi invernali anche a Como ed in provincia. E torna la campagna “Saldi Chiari”, ideata da Confcommercio Como e sostenuta dalle Associazioni dei consumatori Adiconsum, Adoc e Confconsumatori, con lo slogan “Saldi chiari, amicizia lunga”, che quest’anno compie 11 anni. Confcommercio Como invita ogni anno associati e non ad aderire alla campagna per meglio fornire un servizio ai consumatori. Quest’anno le adesioni hanno raggiunto quota 124 negozi in tutta la provincia. “I saldi sono un momento di vendita guardato con grandissimo interesse dalla totalità dei consumatori– dichiara Giansilvio Primavesi, presidente di Confcommercio Como – e rappresentano una modalità attraverso la quale i negozi vendono quanto rimasto a fine stagione. Siccome dicembre ha subito un notevole  rallentamento di vendite, i negozi hanno conseguentemente più merce, a tutto vantaggio della clientela che potrà acquistare a prezzi scontati, pur usufruendo di maggiore scelta e migliore assortimento. Inoltre per gli svizzeri i saldi invernali sono un’ opportunità in più per fare ottimi acquisti e avere ancora più vantaggi. Certamente non si può parlare di vendite di fine stagione, perché siamo nel pieno della stagione e i consumatori possono acquistare capi che potrebbero essere ancora venduti a prezzo pieno”.

I commercianti comaschi, insomma, come precisa il presidente si aspettano molto da questo periodo. E sperano di coprire i "buchi" del Natale visto che in tanti hanno lamentato scarsità di affari. Con la campagna “Saldi chiari” si rinnova il patto di trasparenza tra commercianti e consumatori contenuto nel decalogo delle regole da osservare. Tutti i commercianti che hanno aderito hanno esposto nei negozi la locandina con lo “scontrino che sorride”.  Si ricorda che l’adesione all’operazione “Saldi Chiari” comporta per l’operatore commerciale l’impegno a rispettare le norme in materia di vendite straordinarie.  Tutta la merce in saldo deve recare un cartello recante il prezzo intero e la percentuale di sconto. Il prezzo scontato è facoltativo. La merce in saldo deve essere separata in modo chiaro da quella venduta a prezzo pieno. I messaggi pubblicitari devono essere presentati in modo non ingannevole per il consumatore. I negozi non potranno rifiutare il pagamento con carta di credito. L’operatore commerciale si impegna a sostituire i capi acquistati che presentano gravi vizi occulti o a rimborsare entro 8 giorni dall’acquisto. Nel caso di non corrispondenza della taglia il capo verrà sostituito entro 8 giorni con prodotti disponibili all’atto della richiesta di sostituzione. E per finire il cliente ha il diritto di provare i capi.

Più informazioni su