CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Cà d’Industria, Scarano assolto: non ha istigato alla violenza!

Più informazioni su

Era questa l'accusa più grave che ha portato l'infermiere nei guai dopo alcune sue dichiarazioni fatte on-line. Il Pm sollecita il non luogo a procedere per lui. "Sono contento, ho sempre avuto fiducia nella giustizia".

Assolto anche se non con la formula piena. “Perchè il fatto non costituisce reato” secondo Alessandro Bianchi, ad una delle sue ultime udienze prima di andare in pensione. Ma le pesanti accuse rivolte inizialmente dalla Procura di Como a Davide Scarano, 40enne infermiere della Cà d'Industria, sono state archiviate dal giudice dopo che anche il Pm – Mariano Fadda – durante la sua requisitoria aveva sollecitato il non luogo a procedere per l'indagato. Accusato di istigazione a delinquere e diffamazione per alcune sue dichiarazioni fatte on-line sulla precedente gestione della struttura per gli anziani di Como. Affermazioni che hanno portato Scarano nei guai ed all'udienza di oggi nella quale poi uscito indenne. L'ex presidente Pellegrino ed altri due membri del consiglio di amministrazione volevano da lui i danni. Ma Scarano, sospettato di essere un sobillatore di folle e presente in aula con il suo legale Fulvio Anzaldo, se n'è andato sollevato dal Tribunale dopo la lettura della sentenza di Bianchi:”Sono contento, ho sempre avuto fiducia nella giustizia”. Più velenoso il suo legale:”Questo processo non doveva neppure iniziare”. Ora Anzaldo attende di leggere le motivazioni, poi valuterà se presentare un eventuale ricorso nel merito per le motivazioni del giudice che non escludono il fatto contestato dalla magistratura. Scarano era stato inizialmente interrogato da un finanziere in servizio alla Procura – Michele Miccoli – poi trasferito ed indagato dallo stesso Pm che oggi ha sollecitato l'assoluzione dell'infermiere. Miccoli è accusato di aver fatto verbali falsi per inguaiare lo stesso Scarano. Circostanza, però, che il finanziere respinge con fermezza.

Più informazioni su