CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Falso in atto pubblico, anche un altro dirigente sotto inchiesta

Più informazioni su

Aumenta il numero degli indagati nella vicenda delle dichiarazioni di conformità delle società che prendono parte ad appalti pubblici. Dopo Antonio Viola tocca a Pierantonio Lorini. Ma entrambi restano al loro posto in Comune.

Un altro dirigente di Como finisce nei guai. E formalmente indagato dalla Procura di Como per falso in atto pubblico. Solo una ipotesi di reato, al momento, niente di più. Ma il fronte si allarga dopo che era già stato sottoposto ad indagini mirate – Pm Giuseppe Rose – anche Antonio Viola, lui pure dirigente di Palazzo Cernezzi, rsponsabile del settore reti del Municipio e responsabile del cantiere delle paratie. Ora nella vicenda delle certificazioni alle società che poi hanno preso parte ad appalti pubblici finisce sotto osservazione anche Lorini, responsabile del settore mobilità di Palazzo Cernezzi e responsabile delle grandi opere. Il suo nome, comq euello di Viola, è saltato fuori dalla copiosa documentazione sequestrata nelle scorse settimane in comue dalla Finanza. Ora in corso le verifiche per capire se le procedure sono state regolari nelle varie assegnazioni e sopratutto se le aziende che hanno preso parte erano autorizzate a farlo davvero. Per i due, comunque, nessun provvedimento da parte di Palazzo Cernezzi: restano entrambi al loro posto. Il terzo indagato è il costruttore Stefano Ferrari dell'impresa Selva Mercurio. Per lui l'accusa ipotizzata è di turbativa d'asta.

Più informazioni su