CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Zambrotta premiato dalla gente, ma dal Comune solo delusione

Più informazioni su

Folla straripante anche ieri pomeriggio sul lungolago da lui realizzato. Lo Skimagic è piaciuto. Dal campione duro attacco alla politica cittadina:"Neppure un grazie, a fine mese ce ne andiamo e basta". Premiato dalla gente. Osannato da molti. "Vai tu a fare il sindaco, Gianluca. Faresti meglio di quelli là…" la più simpatica e tenera sentita ieri. Autografi e strette di mano. Lui ha risposto presente sempre. Ma ignorato – per essere gentili – dal comune di Como. Non una telefonata da parte di nessuno, non un contatto per sapere se proseguire con l'esperimento – riuscitissimo – di abbellire il lungolago cittadino alle prese con i lavori (mai ancora ripartiti) delle paratie anti-esondazione). E così Gianluca Zambrotta, amareggiato e scuro in volto, ha già deciso lui. Senza aspettare altro tempo, senza indugio. "A fine mese ce ne andiano, sicuro, scrivetelo pure…" dice il campione del Milan che in questa operazione di marketing di ha messo cuore e soldi (di tasca sua) per non essere neppure ringraziato. "Nessuno mi ha contattato – precisa Zambrotta – anche per sapere se c'era bisogno di qualcosa. Boh, non so cosa dire…".

Amareggiato, deluso, sconfortato dalle istituzioni. Felice per l'ennesimo bagno di folla che lui e la sua società Young Boys hanno fatto ieri con lo Skimagic, il tappeto che ha simulato un pendio montano con tanto di ragazzini pronti ad inforcare gli sci per una discesa. Grande folla, entusiasmo contagioso per Zambrotta – con moglie e genitori al seguito – e Giorgio Rocca, il campione del mondo valtellinese di sci che è arrivatoa Como per dare dimostrazione di tecnica sullo Skimagic. Oggi si smonta. A fine mese via anche l'erba sintetica, i giochi e le panchine che Zambrotta ha allestito. Senza neppure un grazie se non – formale – all'inaugurazione da parte del sindaco Bruni (fischiato nell'occasione).

Più informazioni su