CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Il Rally Aci Como fa trenta, ma continua a crescere: che numeri

Più informazioni su

I migliori piloti nazionali attesi per il week-end del 21 e 22 ottobre sulle strade lariane. Percorso invariato rispetto agli anni scorsi. Addio definitivo a Civiglio. Una quarantina gli iscritti. La soddisfazione di Gelpi. Trenta e non sentirli. Tanti gli anni del Rally Aci Como (quest'anno anche con l'abbinamento di Sisal ed Etv) che oggi è stato svelato ufficialmente nei saloni di Villa d'Este a Cernobbio. Numeri importanti per la gara che anche quest'anno porta sulle strade del Lario i migliori piloti nazionali nel week-end del 21 e 22 ottobre. Già una quarantina gli iscritti anche se ci sono ancora alcuni giorni per formalizzare la partecipazione. La gara quest'anno è valevole come finale del trofeo rally asfalto e pure per il Challenge di zona 2 e 3 nonchè per il sempre seguitissimo monomarca Citroen DS3 R3 Racing Trophy. Ma la novità che gli organizzatori hanno svelato oggi a Cernobbio, durante la presentazione, è anche il via di dieci auto storiche e di tutte le vetture da rally con omologazione scaduta. Uno spettacolo nello spettacolo.

A fare gli onori di casa i dirigenti dell'Aci lariano e poi gli sponsor che sono vicini anche quest'anno alla competizione. Percorso invariato rispetto agli anni scorsi con le solite prove speciali, ma senza la Civiglio per la quale ormai è un addio definitivo. Peccato perchè la passione dei tifosi era davvero straripante alle porte di Como, ma la siourezza viene prima di tutto. Da qui la decisione di cancellarla dal percorso. Il dettaglio:
Via alle 14 di venerdì 21 da piazza Cavour a Como, poi subito in Valle d'Intelvi per Alpe Grande (da ripetere due volte) e Val Cavargna, quindi il ritorno verso Erba ed il riordino a Lariofiere. Sabato 22 si parte con la Sormano, poi la "Piano Rancio", spettacolarissima e con i secchi tornanti in discesa. Quindi le ultime speciali per definire la classifica generale: ancora Alpe Grande e poi Val Cavargna. Quindi il rientro verso Como e la conclusione in piazza Cavour.

"Sono felice – ha detto il presidente Aci nazionale, il comasco Enrico Gelpi presente alla presentazione – perchè 30 anni sono un traguardo notevole. Questo è un grande evento ed una gara molto sentita da tutti i piloti perchè il percorso è particolarmente tecnico e tutto da guidare. E poi – conclude – vale la pena sottolineare anche la magnifica collaborazione tra i vari comuni per il passaggio di auto ed appassionati".

Più informazioni su