CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Strade lariane davvero da bollino nero: tre vittime in poche ore

Più informazioni su

Giornata pesante per il comasco: perdono la vita un centauro di Montorfano ed un uomo di Rovellasca, fuori strada con la sua auto in un campo. Deceduta anche la pensionata di Cantù investita lunedì

Tragiche strade. Sul Lario l'ultimo fine settimana è stato caratterizato da una serie di gravi incidenti. Costati la vita complessivamente a tre persone. Il più giovane (vedi precedente lancio) è Giovanni Caltabiano, 33enne di Montorfano. Con la sua moto – una potente Guzzi – si è schiantato sabato notte di ritorno dal raduno della famosa marca motociclistica. L'incidente a Pusiano. Per il ragazzo, sbalzato dopo l'urto con un'auto, nulla da fare.

Seconda vittima della strada, sempre ieri, a Bregnano, al confine con Cermenate. Una Renault con un 53enne a bordo – Francesco Cariddi Princiotti, di Rovellasca – è finita fuori strada in via Garibaldi. La vettura si è poi ribaltata ed il conducente sbalzato fuori nel campo. Per l'uomo decesso sul colpo. Inutile l'intervento del 118. Non escluso un improvviso malore di Princiotti, diretto verso Cermenate. A far salire il bilancio delle vittime anche la conferma che nelle ultime ore i medici dell'ospedale Sant'Anna di Como non hanno potuto che constatare la morte di Rina Camagni, pensionata di 74 anni, canturina. Esattamente sette giorni fa, in via Saffi a Cantù, è stata investita da un'auto condotta da un 69enne di Arosio mentre cercava di attraversare la strada. Era con la sorella. Cause esatte da stabilire da parte della polizia locale.

Più informazioni su