CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

E’ suonata la campanella in provincia tra emozione e polemiche

Più informazioni su

Stamane l'avvio del nuovo anno scolastico sul Lario con i problemi di sempre: reggenze e mancanza di fondi. L'ammissione del Provveditore:"Sarà un anno duro e difficile". Ancora lavori al Fermi di Cantù. L'emozione di chi, per la prima volta, ha messo piede in aula. Ed i sorrisi di chi, dopo tremesi, è ritornato fianco a fianco con i compagni. Ma anche le polemiche per i fondi che non ci sono e scarseggiano e le reggenze ancora da definire: ben 25 le scuole in provincia ancora senza il preside. Così è partito, stamane, l'anno scolastico sul Lario. Con insegnanti alle prese con classi affollate, in qualche caso con tanti studenti stranieri. E, come detto, la mancanza di fondi rende l'avvio un pò amaro come ammette anche il Provveditore agli studi Claudio Merletti, stamane in visita all'istituto di Tavernerio:"Sarà difficile, un anno duro – ha ammesso – ma spero anche che gli insegnanti sappiano tratte profitto massimo pur in questa situazione delicata".

Scuola al via quasi ovunque con aule pronte. Cantieri sempre aperti al Fermi di Cantù (almeno fino alla fine di ottobre) e pure allo scientifico Giovio di Camerlata. Qui entro poche settimane la conclusione dell'intervento sulle facciate, ad inizio ottobre – come precisa l'assessore ai lavori pubblici della Provincia Cinquesanti – prevista la consegna del nuovo blocco con 16 aule e tre laboratori.

Più informazioni su