CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Parolario 2011: il taglio del nastro, tra “naturale e artificiale”

Più informazioni su

A inaugurare la manifestazione il sindaco di Como, Stefano Bruni, l’Assessore alla Cultura e Grandi Eventi della Provincia, Mario Colombo, il “patron” Glauco Peverelli e il prefetto Michele Tortora. Varato oggi alle 17.00 Parolario, l’appuntamento lariano con gli autori giunto ormai alla sua undicesima edizione. A inaugurare la manifestazione, introdotti dal giornalista Alessio Brunialti, si sono succeduti al microfono il sindaco di Como, Stefano Bruni, l’Assessore alla Cultura e Grandi Eventi della Provincia, Mario Colombo, il “patron” di Parolario, Glauco Peverelli e il prefetto della città, dottor Michele Tortora. Nella sua breve introduzione, il sindaco ha definito Parolario “un ragazzo che diventa un adulto e che ha il coraggio di fare una scelta meno comoda, più ricercata, ma di straordinaria qualità”. A sottolineare l’importanza dell’evento anche le parole del prefetto per il quale “la cultura, come educazione al bello, è importante perché rende migliore la nostra vita e più coesa e compatta la società”. Riferendosi in particolare a Parolario il prefetto ha poi detto che “non solo è bello in sé, non solo è importante, ma rende anche più facile il mio lavoro”.È toccato alla dottoressa Nicoletta Ossana Cavadini aprire le danze, è il caso di dirlo, con la sua conferenza tenutasi nella sala da ballo della Villa e intitolata “Omaggio a Villa Olmo tra naturale e artificiale: il concetto di villa arcadica e il rapporto armonico della «ratio» illuminista”, un breve percorso di conoscenza del luogo che ospiterà moltissimi tra gli eventi di Parolario. Ha proseguito il professor Danilo Mainardi, che presentava il suo libro “Il cane secondo me”. Gli altri eventi che si sono succeduti hanno visto protagonisti il poeta Mario Santagostini, il cabarettista Leonardo Manera e i musicisti Dilene Ferraz e Sergio Fabian Lavia.

Più informazioni su