CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Lungolago: oggi un Summit per l’approvazione della perizia

Più informazioni su

In serata è arrivata la notizia di un incontro tra Regione, Provincia e Comune di Como. In occasione di questa riunione sarebbero stati superati i dissensi precedenti tra gli enti.

Dopo le polemiche che si sono riaccesse nelle ultime ore, o meglio si sono infiammate ulteriormente, oggi una svolta sul caso “paratie”. Ieri la reazione del presidente della Regione, Roberto Formigoni, che con un comunicato, ha smentito le anticipazioni di chi lo vedeva contrario all’approvazione della di variante al cantiere. Così come di ieri l'annuncio di un’interrogazione al Pirellone, da parte del capogruppo regionale del Pd, il comasco Luca Gaffuri :”Per conoscere nei dettagli – si legge nella nota inviata – quale è stato l’iter adottato da Regione Lombardia. Quando si verificò il famoso caso del muro, lo stesso Formigoni si era fatto garante che il progetto del lungolago sarebbe stato portato a compimento. Gli operai dovrebbero tornare in cantiere lunedì 4 settembre. Ora tutto sembra messo fortemente in discussione”.

Oggi un sopralluogo di tecnici e alcuni consiglieri comunali e in serata è arrivata la notizia di un incontro tra Regione, Provincia e Comune di Como, presso la sede di Regione Lombardia. In occasione di questa riunione sarebbero stati superati i dissensi precedenti tra gli enti: “Allo stato attuale – riporta una nota del Pirellone – il dissenso precedentemente espresso dalla Provincia di Como, potrà essere anche formalmente superato mediante una nuova Conferenza dei servizi". Accordo raggiunto come confermato anche da Palazzo Cernezzi che ha ribadito come le modifiche apportate con la perizia, abbiano rilevanza esclusivamente sotto il profilo idraulico, strutturale e impiantistico. L'approvazione della variante, infatti, consentirà di far ripartire i lavori. L'assetto della passeggiata sarà invece oggetto di una successiva fase progettuale. Domani il Comune di Como convocherà una nuova seduta della conferenza di servizi e in quella sede verrà acquisito il parere positivo della Provincia. Secondo la normativa, la convocazione deve essere fatta con quindici giorni di anticipo rispetto all’incontro e pertanto la conferenza si riunirà entro metà settembre. Dalla Regione anche la risposta alle polemiche di questi giorni:”Con riferimento ad alcune illazioni ripostate dalla stampa negli ultimi giorni – riporta la Nota della Regione – si precisa infine che le strutture regionali hanno sviluppato in parallelo diversi percorsi possibili tutti finalizzati a garantire il completamento dell'opera e la rapida riapertura dei lavori; in coerenza con lo stile di comportamento che caratterizza la

propria azione, Regione Lombardia, là dove ne ravvisa la possibilità, predilige giungere a una soluzione concordata anzichè adottare atti d'imperio".

Più informazioni su