CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

A Villa Olmo la magia di Boldini ed i fischi per il sindaco Bruni

Più informazioni su

Ieri sera la conclusione della rassegna con tanta gente ad ammirare lo show nel parco. Altra contestazione per il primo cittadino che perde la pazienza. Ultimo assalto: in tutto 75.000 visitatori. Applausi per la magia di Boldini e per il fascino della Belle Epoque. Fischi per il sindaco Stefano Bruni, ancora una volta (dopo l'inaugurazione del lungolago di Zambrotta) contestato dalla gente. La grande mostra di Villa Olmo ha chiuso così ieri sera. Una chiusura con tanta gente nel parco ad ammirare lo spettacolo pirotecnico nel primo bacino del lago, ma anche le proiezioni in 3D sulla facciata della dimora. E poi le ballerine del Sociale a tempo di can can e le fontane danzanti. Prima era stata la volta dei discorsi. Sul palco l'assessore alla cultura Sergio Gaddi, che ha voluto fortemente questa rassegna, ed il sindaco Stefano Bruni. Volto tirato, il primo cittadino ha preso il microfono in mano e sono partiti i primi fischi. Lui si è arrabbiato e non le ha mandate a dire:"Gli incivili ed i contestatori ci sono sempre – ha detto -. E' giusto contestare, ma non in questo caso che si sta celebrando una cosa bella. Una scommessa vinta da Gaddi e dalla città. Perchè questa mostra è stata una scommessa vinta alla grande". Altri fischi, Bruni ha cercato di coprirli alzando la voce, ma non c'è riuscito.

Poi è stata la volta di Gaddi. Che dopo tutti i ringraziamernti a sponsor ed a chi ha lavorato per allestimento e sale – ma ha citato anche gli stagisti chiamandoli per nome – ha spiegato il senso della serata:"Il bello che trionfa, la magia di questi artisti italiani. E poi – ha aggiunto – anche il dato finale di questa mostra: abbiamo raggiunto quota 75.000 visitatori". La sua speranza è di ripetersi ancora:"Mi auguro di essere qua ancora fra un anno – ha ammesso – per la mostra numero 9". Poi l'ultimo assalto. Dopo i fuochi centinaia in coda per entrare a visitare la rassegna dalla mezzanotte: libera entrata a ttti fino a notte fonda.

Più informazioni su