CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Lago, Asl e Finanza insieme per controllare la qualità dell’acqua

Più informazioni su

L'iniziativa è stata presentata oggi a Como. Tecnici dell'azienda sanitaria sulle motovedette delle "Fiamme Gialle" per garantire la balneabilità del Lario:"E' un'importante vigilanza per garantire la salute pubblica". Una importante collaborazione per garantire la salute dei cittadini. E' quella nata tra Asl e R.O.A.N (reparto aeronavale) della Guardia di Finanza che prevede l'imbarco degli esperti dell'Azienda Sanitaria Locale sulle unità navali delle fiamme gialle, per i rilievi nelle acque del lago di Como. Con la stagione estiva, infatti, i controlli si intesificano proprio per garantire la balneabilità per turisti e cittadini. Temperatura, trasparenza, ph e controllo delle alghe, sono questi alcuni dei fattori che vengono presi in considerazione per valutare se una determinata area può essere definita balneabile o meno.” Da aprile a settembre – spiega Marco Larghi, direttore del dipartimento di prevenzione della Asl – vengono eseguiti prelievi mensili in tutti e 23 i punti di prelievo del Lago di Como, da ottobre a marzo si proseguirà con i prelievi per il monitoraggio algale”. Per il momento promosse tutte le 23 spiagge analizzate, con acqua eccellente o buona, disponibili sul sito dell'Azienda Sanitaria: www.asl.como.it. “Questa collabrazione – aggiunge Carlo Alberto Tresalvi, direttore sanitario della Asl – sottolinea l'importante compito di vigilanza della Asl per garantire la salute pubblica. Garantire sicurezza e balneazione significa anche turismo ed economia locale”. Ai medici locali è stato inoltre inviato un modulo da compilare in caso problemi di salute dei bagnanti in una deteminata zona.

“Questa collaborazione può essere importante anche per il soccorso rapido – ha spiegato Sergio De Santis – comandante del ROAN della Gdf di Como – in caso di inquinamento sospetto, poi, è possibile intervenire tempestivamente ed avere rilievi immediati da parte degli esperti, facendo così un'immediata operazione di polizia”. “Un vero e proprio salto di qualità – conclude Larghi – in efficacia ed efficienza, risparmiando tempo utile per altre analisi”. Cinque le unità navali in forza alla stazione di Nobiallo. L'unità ha partecipato attivamente al soccorso di 14 persone rimaste coinvolte nella terribile frana di Brienno.Controllo doganale lacuale, contrasto dell'abusivismo edilizio e della deturpazione dell'ambientem sicurezza della navigazione e funzioni di polizia economico finanziaria, sono solo alcuni dei compiti eseguiti dai militari della base di Nobiallo. Questa collaborazione comasca, valida fino al 31 marzo 2012, ha portato a richieste di questo tipo anche in altri laghi lombardi, dove presto verranno siglati accordi simili.

Più informazioni su