CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Banda di falsari smantellata dalla Finanza: chi sono i comaschi

Più informazioni su

Cinque finiti in carcere con l'accusa di avere tenuto le fila di una organizzazione potente e ben ramificata. Una 60enne di Tavernola ai domiciliari. Gli altri sono varesini. Vendite a gonfie vele con internet. La banda dei falsari scoperta dalla Finanza di Ponte Chiasso vendeva la merce contraffatta – abbigliamento e calzature – in decine di negozi compiacenti della provincia, in qualche caso anche a centri commerciali del territorio. Ma di recente, grazie alle nuove tecnologie, è stato aperto anche un canale on-line per vendite via internet. E gli affari, secondo la Finanza, andavano a gonfie vele: in poche settimane venduti circa 200 capi per un ammontare di 30.000 euro. Capi contraffatti si, ma di ottima qualità. Molto ben fatti. La conferma dai periti delle case madri ai quali si sono ripetutamente rivolti gli uomini della Finanza di Ponte Chiasso. Quelli complessivamente sequestrati sono stati 25.000, 12 le persone finite nei guai: ordinanza di custodia cautelare per loro firmata dal Gip di Como. In cella i comaschi Pietro Versace (52 anni di Gironico), Gianpietro Manara (Cadorago, 36 anni), Adel Brahami, algerino di 40 anni residente da tempo on città, Michele Lombardi (38, Tavernerio), Goran Radic, 43enne ex slavo, anche lui residente a Como. Arresti domiciliari per Claudia Mondelli, 60enne, residenza a Tavernola. Gli altri coinvolti sono tutti della provincia di Varese.

Più informazioni su