CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Bressan:”Che ingenuo sono stato. Ma ora basta scommesse…”

Più informazioni su

L'ex centrocampista del Como, finito ai domiciliari per l'inchiesta di Cremona, incontra la stampa e spiega. "Ho fatto da tramite per un incontro e basta". Poi l'ammissione:"Puntate regolare, le dritte da Bellavista". Subito l'ammissione più sincera:”Diciamola tutta: sono finito in questo guaio per ingenuità. A volte conosci tante persone e ti fidi. Ho sbagliato a farlo….”. E poi l'altra, altrettanto sincera dopo esser finito per 10 giorni agli arresti domiciliari:”Non scommetto più, sicuro. Visto cosa è accaduto. Anzi, mi auguro proprio di trovare una squadra, un lavoro come dirigente o allenatore e così anche la tentazione di puntare si ferma. Non si può farlo se tesserati…”. A ruota libera per quasi un'ora davanti alla stampa. Per spiegare, puntualizzare, chiarire. Mauro Bressan è tornato a parlare oggi davanti al suo avvocato, Roberto Vitali, dopo essere uscito dal tunnel del calcio scommesse.

Le dritte per le scommesse fatte da lui – sempre regolari – da Antonio Bellavista, l'ex difensore del Bari, da oggi agli arresti domiciliari. “Chicche”, le ha definite oggi alla stampa Mauro Bressan. Ma, con il senno di poi, cose non sempre vere. A volte millantate. Tanto è vero che l'ex centrocampista del Como ha pure perso dei soldi in queste puntate. “L'errore che ho fatto – ammette ancora – è di aver messo in contatto Gegic con Bellavista. Ho fatto da tramite per un loro incontro”. Bressan, sei giorni dopo essere ritornato libero nell'inchiesta sul calcio scommesse di Cremona, cerca di guardare avanti e di tornare nel calcio: trattative ben avviate con qualche società, tra pochi giorni potrebbe firmare un contratto ed essere un dirigente. Non svela dove, solo la categoria: Lega Pro.

Più informazioni su