CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Sabato il ricordo delle piccole vittime dello tsunami in Giappone

Più informazioni su

Dalle 13 alle 16 al Monumento ai Caduti, l’Unicef e il Movimento giovanile Younicef di Como hanno i programma un incontro “Per non dimenticare”. Il vice presidente di Unicef Como: "Vogliamo riflettere su quanto accaduto".

Un momento di incontro per ricordare i bambini che hanno perso la vita durante lo tsunami dello scorso 11 marzo. Sabato 11 giugno, dalle 13 alle 16 nell’area del Monumento ai Caduti, l’Unicef e il Movimento giovanile Younicef di Como hanno i programma un incontro “Per non dimenticare”. “La catastrofe ambientale che ha colpito il Giappone è passata in gran parte sotto silenzio: l’attenzione dei media in quei giorni era concentrata sulla guerra in Libia e sul rischio del nucleare e ancora oggi il governo giapponese non sa fare una stima di quanti bambini e giovani siano morti  – spiega Manuel Tavares, vice presidente di Unicef Como – Attraverso questa iniziativa, quindi, non vogliamo solo ricordarli, ma riflettere su quanto accaduto. Anche la data scelta, che corrisponde con la fine dell’anno scolastico, non è casuale. Vogliamo infatti che i ragazzi vadano in vacanza con un tema importante su cui pensare”. Durante il pomeriggio di sabato, tre i momenti principali: alle 14.30, grazie anche alla collaborazione con la comunità giapponese di Como, ci sarà un momento di raccoglimento che prevede una preghiera cristiana e poi il rito tradizionale giapponese. Alle 14.46, ora in cui avvenne la tragedia, ci sarà il lancio dei palloncini, a cui saranno allegati messaggi di amore, solidarietà e rispetto per il Pianeta. Seguirà il gesto simbolico del lancio di fiori nel lago da parte di tre bambini. Un’iniziativa patrocinata dalla Provincia di Como. “Abbiamo deciso di appoggiare questa iniziativa – spiega l’assessore provinciale all’Ambiente, Paolo Mascetti – che si prospetta con un importante momento di riflessione anche su un altro argomento caro ad Unicef, ovvero il cambiamento climatico, responsabile di tanti disastri naturali”. Una collaborazione tra assessorato all’ambiente e quello alle politiche sociali, come ha sottolineato anche l’assessore provinciale Simona Saladini: “Ho avviato una stretta collaborazione con l’assessore Mascetti che prosegue anche attraverso il patrocinio a questa giornata le Politiche sociali si intrecciano con tematiche ambientali per tutto ciò che riguarda la qualità della vita".

Più informazioni su