CiaoComo - Notizie in tempo reale, news a como di cronaca, politica, economia

Locate, Nicola è a casa: adesso c’è tanta voglia di dimenticare

Più informazioni su

La famiglia Tavaglione si chiude nel silenzio dopo una settimana da incubo: il ragazzino in fuga ritrovato a Zurigo. In serata il ritorno in paese dove sono scomparse tutte le foto di lui diffuse in questi giorni frenetici. Abbraccio con i genitori, la testa bassa. La sensazione – anche se nessuno gli ha detto nulla – che stavolta l'ha fatta davvero grossa. Ma prevale la soddisfazione di averlo riportato a casa. Ed è quello che tutti volevano. Il resto bisognerà costruirlo giorno dopo giorno. Nicola Tavaglione è ritornato a casa ieri sera dopo un viaggio con l'auto dei carabinieri e con la mamma a bordo fino da Zurigo. Sette giorni di fuga per problemi forse con i genitori, forse con la scuola od i compagni, ora c'è tanta voglia di dimenticare. Ieri (vedi precedenti lanci) la svolta di questa delicata vicenda: lui, che si è fatto passare per orfano, ritrovato dai poliziotti a Zurigo dopo un viaggio in treno. Avvisate le autorità italiane ed in poche ore il riconoscimento della mamma e la fine dell'incubo. Nessuna dichiarazione dei genitori: adesso prevale la voglia di stare con lui e cercare di dimenticare tutto anche se non sarà facile. Soddisfazione del parroco e del sindaco, Luca Castiglioni, tra i più attivi nelle ricerche nei giorni scorsi:"Volevamo riportarlo a casa – dice il primo cittadino -. E' un bel risultato e di questo va un grazie alle forze dell'ordine. Adesso, però, fermiamoci tutti un attimo e lasciamoli tranquilli…". A Locate, intanto, tolte tutte le sue fote che in questi giorni hanno campeggiato su pali della luce ed alla stazione del paese.

Più informazioni su